Storia finita e voglia di morire

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Storia finita e voglia di morire

Messaggio  mazzonrocky il Mar Lug 05, 2016 7:01 pm

Ognuno di noi è diverso, certo. Io avrei desiderato qualcuno che mi spronasse, anche con frasi banali, che mi provocasse, ma invece sono sempre stato solo come un cane randagio. Solo, nessun suggerimento, nessuna critica, nessuna esortazione, nessuna approvazione, tranne l'apprezzamento di mio padre per come andavo bene in bicicletta. Sia chiaro, con una bici scassata, non con una bici da corsa. Non era una qualità da coltivare, era una constatazione e un suo motivo di orgoglio. Io ancora adesso sono orgoglioso di andare bene in bici (mai fatto corse, so solo stare bene in piedi e pedalo bene)l'unica cosa su cui abbia ricevuto un apprezzamento. No, ce ne sono altre due nella mia vita. A queste, banalissime, mi sono aggrappato per cercare di costruirci sopra qualcosa, per avere una fondazione su cui mettere, delicatamente, qualche mattone, un pò per costruire muri e un pò per avere una protezione, per arrivare a un tetto. Le ricordo benissimo queste tre uniche situazioni, uniche di tutta la mia vita. Da randagio. Allo stato brado. Avrei sognato che qualcuno mi desse uno schiaffo e mi dicesse: "pirla, ma che cazzo stai facendo, stai buttando la tua gioventù?" una frase banale, una provocazione, che mi avrebbe fatto arrossire per la vergogna, ma che avrei apprezzato proprio per la sua semplicità e schiettezza.
Almeno qualcuno si sarebbe interessato a me, cazzo! In un paio di occasioni qualcuno me l'ha detta, ed ho sentito una scarica di adrenalina, ma non per fargli saltare i denti. Non c'era internet, non c'erano (nei comportamenti) i genitori, i fratelli gli amici...ero SOLO!!! Meno male che non c'era internet, altrimenti avrei usato porno tutto il giorno. Mentre invece la rabbia l'ho sempre manifestata attivamente verso i cialtroni, i bugiardi e i menefreghisti. O quelli che ritenevo tali. Solo da un paio d'anni sto iniziando a trovare un pò di pace. Non sono mai stato depresso, ma frequentissimamente ero/sono abbattuto. Quando vedo qualcuno che secondo me sbaglia, non riesco a trattenermi dal correggerlo. Come nessuno ha fatto con me. Nessuno mi ha corretto. Io mi sento nel dovere compulsivo di FARE qualche cosa, spesso sbagliata. Questo sono io, ma i tempi sono cambiati ed ognuno di noi è diverso.
Per il lavoro è durissima, lo so. E questo non aiuta per niente. Io ho fatto volontariato per moltissimi anni (vero volontariato), non tanto per generosità ma perchè cercavo una mia strada, cercavo di trovare un senso all'esistenza in vita. Ed anche ora ho la sensazione di lavorare come volontario, dati i risultati. Riguardo alla socializzazione, ovviamente sai solo tu Owl se stai facendo il possibile. Avere la fissazione del rapporto sessuale (incluso il bacio) non aiuta, si accumula troppo stress.

mazzonrocky

Numero di messaggi : 161
Data d'iscrizione : 18.09.13

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia finita e voglia di morire

Messaggio  Owl il Mar Lug 05, 2016 10:17 pm

Io soffro anche per le privazioni affettive, altrimenti sarei già andato a puttane da un pezzo. Rispetto a te non sono mai stato orgoglioso di alcunché, nemmeno quando ricevo un apprezzamento ci credo più di tanto: forse perché dai miei genitori ne ho sempre ricevuti pochissimi in rapporto alle critiche e alle lamentele. Inoltre avendo sempre odiato la superficialità mi sono reso conto fin da ragazzino che la maggior parte degli apprezzamenti sono superficiali. Forse avrei dovuto imparare a non dare lo stesso peso alle critiche, ma questo è facile solo per chi ha un'autostima alta o nella norma.

Quando hai degli handicap sociali sarai sempre solo, anche se ti ritrovassi a vivere in un ambiente affollatissimo di familiari e parenti. Se non ne hai saprai trovare la compagnia anche da orfano.
avatar
Owl

Numero di messaggi : 118
Data d'iscrizione : 23.06.16
Età : 34
Località : Rieti

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia finita e voglia di morire

Messaggio  Dragonzord il Mer Lug 06, 2016 10:37 am

Certo che è difficile... cerco di dimenticare tutto ma poi, durante la notte, ti risvegli e non riesci a tornare al sonno perchè ti viene in mente tutto di nuovo, come fosse accaduto il giorno prima.. Che casino.

Dragonzord

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 03.07.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia finita e voglia di morire

Messaggio  Dragonzord il Mer Lug 06, 2016 5:54 pm

Un pò alla volta, spero di farcela...

Dragonzord

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 03.07.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia finita e voglia di morire

Messaggio  Dragonzord il Mer Lug 06, 2016 9:58 pm

Ragazzi un consiglio. Se mai decidessi di chiamarla o di inviarle un mex audio su whatsapp, come mi consigliate di "aprire" la conversazione e come continuarla?(cioè le cose da non dire e così via).

Mi fa un pò "strano" chiedere una cosa del genere perchè generalmente sono sempre stato bravo con i discorsi, ma visto il caso particolare, preferisco avere degli altri pareri.

Grazie.

Dragonzord

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 03.07.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia finita e voglia di morire

Messaggio  Lost_in_a_moment il Gio Lug 07, 2016 12:35 am

Dragonzord ha scritto:Ragazzi un consiglio. Se mai decidessi di chiamarla o di inviarle un mex audio su whatsapp, come mi consigliate di "aprire" la conversazione e come continuarla?(cioè le cose da non dire e così via).

Mi fa un pò "strano" chiedere una cosa del genere perchè generalmente sono sempre stato bravo con i discorsi, ma visto il caso particolare, preferisco avere degli altri pareri.

Grazie.

vuoi un parere spassionato? a parte che dici che il bacio con lei dopo un po' non ti trasmetteva granchè, meccanico.. visto che sai l'importanza ed il valore del bacio, t rispondi da solo.. Non c'è poi tutto sto feeling...
ti senti il peso di averla presa a parole... ma scusami, e lei cheti ha preso per il culo?? Non si sente in colpa, è la vittima secondo te? Le va bene che hai usato solo parole... si meritebbe anche due ceffoni, sei stato ancora bravo... altro che colpa!!! Ma ok magari non è bello arrabbiarsi così, ora, ti senti preso in giro, usato, sai che persona è... Perchè vuoi ancora contattarla come un cagnolino? Lei manco ti calcola più... E sarebbe lei in teoria, a doverti chiedere scusa, invece oltre che a non farlo, tu vuoi risentirla... per cosa? prendere un'altra batosta?
Poi vedi tu, il parere di una persona che ha letto la vicenda dall'esterno, e ha compreso i tuoi stati d'animo di delusione, che sono usciti da te, parole tue eh, è solo questo: l'ultima cosa che dovresti pensare di fare è di cercarla... dovresti non cagarla più e pensare ogni volta che ti frullano paranoie e sensi di colpa (immotivati tra l'altro) a quanto sei stato male e a quanto ti ha preso per il culo come se fossi un povero zerbino privo di sentimenti... un po' di orgoglio in questo caso...
a volte è giusto abbassare la testa, fare il primo passo mettendo da parte l'orgoglio per non perdere qualcuno... ma dipende dai casi, da cosa quella persona ti ha fatto, da cosa vi ha allontanati, da quanto è importante e meritevole la persona in questione, da scendere a compromessi e spingerti a fare il primo passo per ritrovarla, e riaverla, perchè riavendola la tua vita torna ad essere più serena e positiva. Ma dimmi, nel tuo caso, è così? ha tutto questo valore da farti perdere la dignità ?? cosa ne riceverai in cambio?? pensaci.
Buona serata.. Wink

Lost_in_a_moment

Numero di messaggi : 221
Data d'iscrizione : 30.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia finita e voglia di morire

Messaggio  Dragonzord il Gio Lug 07, 2016 11:11 am

Ciao, grazie per la risposta. Beh sai, io ho potuto descrivere sicuramente gran parte delle "cose" relative a questa vicenda, però ovvio che poi ci sono tante altre sfaccettature, piccoli particolari etc che magari(per non fare dei papiri) non ho riportato, o più semplicemente, che ho dimenticato.

Ecco, un particolare che mi è venuto in mente in questi giorni e che, anzi, è un "punto cardine" della questione è questo: quando ci cominciammo a conoscere, in chat, ovviamente io cominciai a "tastare" un pò il campo e capire se lei era single o meno o comunque se avesse già dei corteggiatori "concreti". Lei mi rispose di sì, gente che la contattava etc c'era, ma non li prendeva in considerazione(così come quelli che conosceva direttamente di persona) perchè a lei, come mi spiegò, oramai non importava più delle persone che non potevano darle certezze. Cioè, proprio lei, capite, parlava di volere delle certezze e poi, che fa? Mi dice quella cosa a me, ma al contrario, cioè che non poteva lei darmi delle certezze per il futuro, dopo che io ero stato la sua certezza(unica nella vita) per mesi e mesi(mi diceva che ero "l'unica gioia della sua vita").

Ripeto, ammetto che è sempre stata sincera con me e proprio per questo, non capisco questo cambiamento improvviso, ma più che altro non capisco perchè non me l'abbia già accennato di persona, magari proprio prima di ripartire per tornare nella mia città. Io, sinceramente? Penso che magari o vi sia qualcun'altro o che vi sia stato un ritorno di fiamma con l'ex(con il quale, lei mi confessò, continuava a parlare, essendo rimasti amici, e parlavano tutti i giorni, anche mentre io parlavo con lei, simultaneamente in poche parole). Anche se, dubito che sia questo. Penso che la confusione ce l'abbia per davvero(è un indizio scemo da prendere in considerazione, ma sul suo profilo facebook scrisse frasi relative a questo suo stato, questo dopo aver già litigato con me e tutto quanto). Poi, ripeto, non so. Altro esempio, magari banale, è il fatto che da dal momento in cui glielo regalato, lei l'ha sempre indossato(lo notavo anche nelle foto quando usciva con le amiche). Parlo di un mio anello(amo indossare anelli) che gli regalai al primo giorno, quando ci vedemmo. Cioè lo indossavo io e mi venne l'idea di lasciarglielo, come mezzo per farle sentire maggiormente la mia vicinanza. Insomma, è na stronzata ovviamente, ma una persona che non prova nulla, indosserebbe sempre un accessorio dell'altra persona?

No, ma come dicevo, il mio ricontattarla sarebbe per togliermi anche degli "sfizi", perchè in primis non doveva mettere in mezzo mia sorella, quindi su questa cosa io la devo richiamare, o prima o dopo. Poi cercherò anche di farle delle scuse, ma non in maniera supplichevole,ma tranquilla,pacata, come se stessi chiedendo scusa ad una persona che ha ricevuto per sbaglio una mia chiamata durante la notte, per dire...
Beh, comunque sì, solo parole e tra l'altro scritte in una chat. Lei comunque quando mi parlò del suo malessere, inviandomi dei mex audio, sentivo che stava un pò giù e si preoccupava che se fossi ritornato da lei, l'avrei vista che stava male e quindi ecco perchè aveva voluto anticiparmelo prima che io ritornassi da lei. E, diciamo che mi domando, a volte, cosa sarebbe successo se avessi accettato di ritornare da lei, per chiarirci di persona. Forse sarebbe stato meglio, sarei ritornto da lei, ci saremmo chiariti e scusati per le prime offese(precedenti al litigio "finale) e ad ora avrei ciò che voglio ora, ovvero la conclusione del rapporto in maniera "tranquilla", rimanendo amici o comunque lasciandoci in buoni rapporti.. Da dire(ed ecco che man mano aggiungo altri particolari) che lei inizialmente, appunto, parlava di certezze, cioè che voleva certezze. Poi, a volte, diceva frasi del tipo "voglio vivere tutto senza troppe aspettative" e cose del genere. Diciamo che già lì capivo che qualcosa non stava andando come doveva, perchè sì, ci sta che uno pensi così, anche per "difendersi", diciamo, ma che senso ha scriverlo ad una persona che sai che ti sta corteggiando da mesi e mesi? Forse era un mettermi alla prova? O anticiparmi già la fine? No sense proprio. Poi la cosa buffa fu quando lei mi rinfacciò il fatto che le aveva dato fastidio quando esprimevo frasi del tipo "al prossimo compleanno ci sarò", accusandomi di trasportarci troppo nel futuro. E lei? Vi dico solo che quando mi chiedeva di ritornar presto da lei, che non ce la faceva ad aspettare, che voleva rivedermi perchè le mancavo etc, io le feci la sorpresa dicendole che volevo affittare un appartamento per Agosto, così da passare tutto(o quasi) il mese assieme. Così dissi "beh dai almneo Luglio-Agosto ci vedremo un sacco di volte!" e lei "sì, e dopo?:c" cioè come a dire "vabbè ma poi nei mesi successivi non torni più come ora?". E meno male che mi trasportavo io, troppo nel futuro...


Però boh, ripeto, per quanto io possa descrivere il tutto, quì, a parole, ho sempre paura di omettere qualche particolare della storia che sia importante, un pezzo del puzzle che magari potrebbe risultare fondamentale per capire se sto io nello sbaglio,lei oppure entrambi, nello stesso momento. Io poi sono così, cioè se sbaglio sono subito pronto a scusarmi, anche a camminare scalzo e flagellarmi, non mi importa. Però, se sbagli te e vedo che non ti scusi, beh allora ti sei condannato alla mia vendetta, perchè se sono troppo buono, riesco, dal lato opposto, anche ad essere fin troppo cativo e quindi la "rivincita" o prima o dopo, me la prendo. Nella "rivincita" voglio anche dirle, semplicemente perchè credo sia giusto che lei sappia, che appunto, il bacio con lei così come il sesso(o quasi sesso) non mi trasmetteva nulla. Ma, questo non perchè sia totalmente colpa sua, ma perchè è anche il mio malessere che non mi fa vivere appieno e come si dovrebbe realmente, le cose. Ma sì, mi va di dirle che non sentivo nulla, sinceramente. Sono cattivo ma voglio che anche lei mangi un pò di "cacca" in questo momento, così come l'ho fatto io dal giorno del litigio.

Il messaggio, dicevo, sarebbe non per perdere la dignità, anzi, ma per riacquistarla al meglio, perchè visto che lei mi ha richiamato quando contattai i suoi amici, lo stesso devo fare nei suoi confronti, dopo aver messo di mezzo mia sorella(dicendole che avevo espresso la volontà di suicidarmi, cioè ma siamo seri? scrissi che volevo farla finita con la mia vita, ma nel senso di darle una svolta, infatti scrissi che com'era in quel modo,non vedevo un proseguimento). Alla fine lei fece ciò solo per non avermi, eventualmente, sulla coscienza, altro che preoccuparsi di me realmente...

Dragonzord

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 03.07.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia finita e voglia di morire

Messaggio  Dragonzord il Gio Lug 07, 2016 2:12 pm

Ok, considerando che Domenica parto per un piccolo viaggetto, penso che farò tutto prima di quel giorno. Mi tolgo il peso, parto e dimentico Very Happy

Dragonzord

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 03.07.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia finita e voglia di morire

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum