Dipendenza dalla depressione

Andare in basso

Dipendenza dalla depressione

Messaggio  Ospite il Dom Set 10, 2017 5:20 pm

Eccoci di nuovo qui. L'autunno è alle porte e finalmente l'estate sta finendo. Dico finalmente perché a me da un lato mi deprime maggiormente. Sono tornata oggi dopo una settimana al mare e che ci crediate o no non vedevo l'ora di tornarmene a casa nella mia bolla depressiva, quasi come se fossi in astinenza dal dolore e fossi desiderosa di provarlo, come se non meritassi dello svago extra o di essere felice. Non so perché mi auto punisco così. Mi spaventano un po' queste sensazioni e odio non riuscire a godermi nessun attimo o a staccare per qualche giorno, a causa dei miei pensieri che non mi danno tregua. A qualcuno di voi è mai capitato?

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  aerdna il Dom Set 10, 2017 5:57 pm

ritieniti fortunata che puoi andare al mare

aerdna

Numero di messaggi : 223
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  Ospite il Dom Set 10, 2017 6:41 pm

Eddai, sempre con queste risposte che non c'entrano nulla con l'argomento trattato! Allora uno cosa scrive a fare su questo forum?? Risparmiati certe uscite per cortesia.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  aerdna il Dom Set 10, 2017 9:03 pm

ma perchè non provi ad apprezzare qualcosa di quello che hai?
ci sono persone che non hanno le tue possibilità e devono accontentarsi del nulla
perchè non sei mai contenta?perchè non riesci mai a provare soddisfazione?

aerdna

Numero di messaggi : 223
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  Ospite il Dom Set 10, 2017 9:29 pm

Ma scusa il ragionamento è pressoché elementare: se fossi stata in grado di apprezzarlo non sarei stata depressa e non sarei stata qui a parlarne o no?? Quindi se non hai niente di utile e intelligente da dire, fai il favore di non scrivere e lascia spazio agli altri!
Io ho fatto una semplice domanda per sapere se anche ad altri capita questa sensazione, non sono venuta a lamentarmi di non avere abbastanza e poi chiedilo a chiunque malato di depressione ti risponderebbe la medesima cosa. Non riesci a goderti nulla neanche se avessi tutte le meraviglie del mondo a disposizione. Dirmi che c'è gente più sfortunata non ha senso, è la classica frasetta fatta come dire mangia i broccoli perché in Africa i bambini muoiono di fame, pensa alla loro sfortuna! Che senso ha dire queste cose a un depresso? Ho visto che commenti spesso i post della gente con questa modalità da vittima che più che dare consigli cerchi di metterti al centro dell'attenzione come se stessero succedendo tutte a te. Ma fammi il piacere. Qui tutti hanno problemi altrimenti si chiamerebbe forum dell'allegria, perciò o taci o ti informi prima. Detto ciò, discorso chiuso, non mi abbasso più a rispondere a certe cavolate. Se i moderatori vogliono intervenire, ben venga, ma io smetto qui perché finisco solamente per darti un'importanza che non meriti.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  aerdna il Dom Set 10, 2017 9:39 pm

cerca di scendere dal tuo piedistallo di bambina viziata e impara l educazione
i tuoi post da quando sei arrivata sono sempre stati arroganti e saccenti
ma chi ti credi di essere?

aerdna

Numero di messaggi : 223
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  Ospite il Dom Set 10, 2017 9:41 pm

Ma almeno hai capito qualcosa di quello che ho detto?
Mi sa che ho premuto il tasto giusto, vista la tua risposta che, ancora una volta, non significa assolutamente nulla. Buona serata e addio aerdna o come caspita ti chiami.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  aerdna il Dom Set 10, 2017 9:43 pm

e con questo tuo intervento cosa risolvi?

aerdna

Numero di messaggi : 223
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  mazzonrocky il Mer Set 13, 2017 12:32 pm

Credo di capire. A volte ci si crogiola nella propria sofferenza. A me capita/è capitato spessissimo di sentirmi fuori posto ovunque io sia/fossi. Provare sempre il desiderio di essere altrove, di fare altro. E' capitato spesso di sentire disagio per dove mi trovavo, per il divertimento che non riesco/riuscivo a provare, di ritenere che le cose importanti nella vita siano sempre "altre". E quando sono solo e annoiato, cerco/cercavo anche involontariamente qualche responsabile della mia situazione: mia mamma, mio papà gli amici....responsabili che alla fine ho da tempo assolto...non hanno sbagliato per cattiva fede, ma per incapacità. E' comunque, per me, un modo per potermi sentire in qualche modo sfortunato, perchè nessuno mi ha aiutato a crescere sereno e sicuro di me. E, al tempo stesso, sono consapevole che il cambiamento sia sempre dipeso da me, e il fatto di non aver sufficientemente agito per cambiare le cose mi crea ovviamente senso di colpa. Anche se di cose e di tentativi ne ho fatti tanti. Secondo me non abbastanza, sono molto critico verso di me. Spesso mi ritrovo a fare bilanci, per non sentirmi un fallito. Riguardo al ritenerti fortunata perchè vai al mare...in un certo senso può non essere sbagliato riuscire a guardare la cosa dal di fuori, nel cercare di apprezzare la possibilità di vedere la distesa d'acqua, di immergersi e galleggiare, di respirare l'aerosol marino, magari al mattino presto o quando la massa di gente se n'è andata...sono un pò come i bilanci che faccio io...cercando di vedere le cose positive e non quelle negative. E' un esercizio che può essere utile. Qualche esercizio ogni tanto bisogna pur farlo.
Per il resto, ovvio che che dici ad un obeso "vergognati e mangia meno, sprechi il cibo e costi soldi al sistema sanitario" non lo aiuti a dimagrire, ma anche a deprimersi... Se poi chi lo dice è un obeso che scrive su un forum degli obesi, qualcosa di strano c'è...

mazzonrocky

Numero di messaggi : 199
Data d'iscrizione : 18.09.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  Ospite il Mer Set 13, 2017 1:04 pm

mazzonrocky ha scritto:Credo di capire. A volte ci si crogiola nella propria sofferenza. A me capita/è capitato spessissimo di sentirmi fuori posto ovunque io sia/fossi. Provare sempre il desiderio di essere altrove, di fare altro. E' capitato spesso di sentire disagio per dove mi trovavo, per il divertimento che non riesco/riuscivo a provare, di ritenere che le cose importanti nella vita siano sempre "altre". E quando sono solo e annoiato, cerco/cercavo anche involontariamente qualche responsabile della mia situazione: mia mamma, mio papà gli amici....responsabili che alla fine ho da tempo assolto...non hanno sbagliato per cattiva fede, ma per incapacità. E' comunque, per me, un modo per potermi sentire in qualche modo sfortunato, perchè nessuno mi ha aiutato a crescere sereno e sicuro di me. E, al tempo stesso, sono consapevole che il cambiamento sia sempre dipeso da me, e il fatto di non aver sufficientemente agito per cambiare le cose mi crea ovviamente senso di colpa. Anche se di cose e di tentativi ne ho fatti tanti. Secondo me non abbastanza, sono molto critico verso di me. Spesso mi ritrovo a fare bilanci, per non sentirmi un fallito.  Riguardo al ritenerti fortunata perchè vai al mare...in un certo senso può non essere sbagliato riuscire a guardare la cosa dal di fuori, nel cercare di apprezzare la possibilità di vedere la distesa d'acqua, di immergersi e galleggiare, di respirare l'aerosol marino, magari al mattino presto o quando la massa di gente se n'è andata...sono un pò come i bilanci che faccio io...cercando di vedere le cose positive e non quelle negative. E' un esercizio che può essere utile. Qualche esercizio ogni tanto bisogna pur farlo.
Per il resto, ovvio che che dici ad un obeso "vergognati e mangia meno,  sprechi il cibo e costi soldi al sistema sanitario" non lo aiuti a dimagrire, ma anche a deprimersi... Se poi chi lo dice è un obeso che scrive su un forum degli obesi, qualcosa di strano c'è...

Anche io infatti mi sento sempre in colpa e fuori posto, probabilmente per come sono stata cresciuta.
Sicuramente non è che io non sia grata delle cose belle che ho, il punto è un altro: il non riuscire a godersele come se il pericolo imminente fosse dietro l'angolo, come se dovessero strapparmi via quel briciolo di serenità che magari sono riuscita a raggiungere a fatica. Questo intendo.
Il sapere che sì, sei sereno, ma sicuramente qualcosa arriverà a disturbare quella quiete, che non durerà a lungo. Gli esercizi provo a farli anch'io, il cercare di guardare il bicchiere mezzo pieno, a volte riesco meglio di altre, ma poi quel senso di angoscia ritorna sempre. Forse si tratta proprio di allenamento... non saprei.
Grazie comunque per la risposta e per aver capito cosa intendessi!

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  aerdna il Mer Set 13, 2017 4:14 pm

Domenica stavo male ed ero nervoso
Mi scuso per essere andato oltre le righe e per aver invaso il topic

aerdna

Numero di messaggi : 223
Data d'iscrizione : 09.05.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Vero

Messaggio  PieroTrieste il Dom Feb 25, 2018 10:52 am

Tendiamo spesso a fare del nostro stato mentale il nostro completamento. Appena non ho la testa impegnata in qualcosa i pensieri sono subito rivolti al mio malessere, sistematicamente. E semplicemente quando non si sta bene si preferisce farlo dove si può farlo, nella propria testa, in casa propria.
Quest' estate andremo in America per i 50 anni di mia madre (le abbiamo fatto questo regalo, che era il suo sogno), staremo lì un paio di settimane e non so come farò a godermele, verrò portato fuori dalla mia zona di comfort e non potrò essere incazzato quanto in realtà sono. Credo che ogni cosa io possa vedere o vivere verrà emotivamente filtrata dalla mia psiche, rendendo tutto più freddo...
Ti capisco, e quando torno dal viaggio ti scriverò: " Si, mi è capitato! ".

PieroTrieste

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 25.02.18
Età : 21
Località : Trieste

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  axel il Mar Apr 24, 2018 11:50 pm

Che bello non essere il solo Smile
Io mi sento proprio come te.
Non è una cosa che controllo ma a volte paradossalmente mi sento meglio depresso, sono spesso narcisista e disprezzante della stupidità altrui e alle volte mi sento tutto il contrario, non parlerei proprio di bipolarità ma bensi di sbalzi di umore, nella depressione di solito sono meno pigro e più produttivo
avatar
axel

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 30.10.17

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  pavel il Sab Apr 28, 2018 7:50 pm

Un saluto a voi. È un po'un peccato fare conoscenza qui in un momento di difficoltà,é quasi come conoscere qualcuno mentre il titanic sta colando a picco,ma ringraziamo che almeno c é questa possibilità. La mia domanda é questa, c' é qualcuno che non sopporta dover stare vicino a chi soffre? Ad esempio se penso a coloro che lavoranoa contatto quotidianamente con i malati,mi cresce un'ammirazione enorme,mentre io soffrirei anche solo a fare il giornalaio dentro a un ospedale. Ecco, aver dovuto accompagnare mio padre fino alla fine della.sua esistenza,e ora ripetendosi il tutto con mia madre,sento una sofferenza abnorme in me nello stare a fianco a.questa sofferenza. Anche solo gli sguardi senza speranza, mi colpiscono come delle lame. E questo dover stare accanto a chi sta per andarsene mi sta togliendo tutte le forze,l energia, mi fa vedere tutto nero.in prospettiva,anche se so che il difficile é l.arrivare al.momento del trapasso,e non il dopo,perché ormai sará successo,sará un dato di fatto e soprattutto la persona avrá smesso di soffrire. Ma l altro aspetto.negativo e che mi crea sgomento,é il pensare quando.questo.accadrá magari di.nuovo con amici,o parenti o comunque.con qualcuno a cui si vuolem.bene. ecco,mi fa paura e terrorizza l idea che si ripresenti.ancora di.nuovo questo incubo. C' é qualcuno che ha affrontato una situazione simile a quella.che intendo.io? O che ha lo stesso timore? Grazie a chi leggerà.

pavel

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 28.04.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Pavel e il dolore

Messaggio  mazzonrocky il Lun Apr 30, 2018 1:46 pm

pavel ha scritto:Un saluto a voi. È un po'un peccato fare conoscenza qui in un momento di difficoltà,é quasi come conoscere qualcuno mentre il titanic sta colando a picco,ma ringraziamo che almeno c é questa possibilità. La mia domanda é questa, c' é qualcuno che non sopporta dover stare vicino a chi soffre? Ad esempio se penso a coloro che lavoranoa contatto quotidianamente con i malati,mi cresce un'ammirazione enorme,mentre io soffrirei anche solo a fare il giornalaio dentro a un ospedale. Ecco, aver dovuto accompagnare mio padre fino alla fine della.sua esistenza,e ora ripetendosi il tutto con mia madre,sento una sofferenza abnorme in me nello stare a fianco a.questa sofferenza. Anche solo gli sguardi senza speranza, mi colpiscono come delle lame. E questo dover stare accanto a chi sta per andarsene mi sta togliendo tutte le forze,l energia, mi fa vedere tutto nero.in prospettiva,anche se so che il difficile é l.arrivare al.momento del trapasso,e non il dopo,perché ormai sará successo,sará un dato di fatto e soprattutto la persona avrá smesso di soffrire. Ma l altro aspetto.negativo e che mi crea sgomento,é il pensare quando.questo.accadrá magari di.nuovo con amici,o parenti o comunque.con qualcuno a cui si vuolem.bene. ecco,mi fa paura e terrorizza l idea che si ripresenti.ancora di.nuovo questo incubo. C' é qualcuno che ha affrontato una situazione simile a quella.che intendo.io? O che ha lo stesso timore? Grazie a chi leggerà.

Caro Pavel, forse volevi aprire un nuovo argomento e l'hai messo qui per sbaglio. Comunque, quando io ero giovane non sentivo quasi per nulla il peso del dolore altrui. E ci avevo anche a che fare, essendo stato volontario sulle ambulanze. Cioè, capivo, in un certo modo partecipavo, ma non ne soffrivo troppo. Con gli anni la mia sensibilità è aumentata, forse al contrario di quanto accade a molti altri, che si assuefano. E comunque, tutt'ora, quando c'è una situazione di emergenza, quando ci sono in ballo la vita e la morte, io provo un'irresistibile attrazione. Non mi allontano, mi avvicino. E' come se potessi finalmente ristabilire un ordine di importanza delle cose, come se tutto il resto, tutto quello che mi annoia, mi rende la vita difficile da affrontare, i diffilci rapporti con altre persone, il lavoro, il dolore alla spalla, gli ipocriti, i falsi, i bugiardi, gli sleali, l'invecchiare, passino in terzo e quarto piano, anzi spariscano. Soffro molto più di prima a vedere il dolore, lo provo a mia volta, ma sono consapevole che questa è la vita, o la sua conclusione, che perltro ne fa parte. Capisco che molti tendano a sfuggire queste situazioni. Per me è il contrario. Mi sento vivo, alla pari degli altri. Anche meglio degli altri, per come reagisco, per la mia capacità di consolare senza essere banale, di tranquillizzare senza illudere. O almeno, di questo mi illudo,

mazzonrocky

Numero di messaggi : 199
Data d'iscrizione : 18.09.13

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  pavel il Lun Apr 30, 2018 10:58 pm

Grazie della tua partecipazione. Ho letto anche gli altri tuoi post oggi,e mi pare di capire che comunque analizzi tutto con molta luciditá e logicità(chiaramente questo non significa che magari non commetta qualche errore di analisi), peró comunque la tua esposizione è abbastanza plausibile,chiara,come quella fatta riguardo alla tua situazione famigliare. Ti sei fatto carico di tante responsabilità, e anche se qualche cosa si aggiusta ( che so il mutuo) c é già pronta un altra lama pronta a pungerti da un' altra parte. Non c é qualcosa di sbagliato probabilmente in quello che fai ( cappero lavori,hai cresciuto due figli,hai la moglie da supportare-sopportare,sicuramente anche i cani sono a tuo appannaggio, se non la spesa e la cucina....) sei solo logoro dall avere le responsabilità di tutto, o quasi tutto. C é bisogno di riprendere un po' il controllo della propria vita studiando bene quali sono i passi necessari per riacquisire il tuo benessere ed essere di sopporto a tutti i tuoi cari ( cagnolini compresi....). Forza che sei una roccia!

pavel

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 28.04.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Dipendenza dalla depressione

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum