Depressione esistenziale???

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Depressione esistenziale???

Messaggio  Nuanda87 il Gio Ago 04, 2016 4:15 pm

Mi sembra assurdo riuscire a descrivere come mi sento in poche righe.
Sono un ragazzo di 29anni e sto facendo un dottorato in ambito scientifico e son quasi alla fine del 2anno.
Da ormai 20 giorni son tornato da un periodo all'estero di 3 mesi per lavoro, che è andato cosi, cosi, per dirla breve.
Da quando sono tornato non faccio altro che stare al computer a non fare niente. Dovrei finire di scrivere un articolo, ma sono bloccato. Sono preso da uno stato di ansia, angoscia, demotivazione, svogliatezza. Mi sento senza energie, (soprattutto mentali, ma non solo) e stanco. Ho momenti di punta in cui sento che cio che sto a fare qui non ha senso, mi sento fuori posto, inadatto e non all'altezza. Continuo a pensare che devo mollare e cercarmi un lavoro, anche se ammetto che la cosa mi getta nel vuoto totale, sconforto e paura. Sono inquieto, e per un po' ho avuto pure “pensieri di morte”. Per carità intendiamoci, non ho mai voluto suicidarmi, non sono a questo punto, ma ammetto che pensavo a come sarebbe, al funerale etc etc..
Già da tempo mi sento così. Da anni ormai, alternando periodi in cui sto così, ad altri in cui la vita è piu sopportabile. Ho iniziato a stare abbastanza male durante la laurea magistrale, più o meno nel mezzo, dove ho iniziato a fare uso di antidepressivi su consiglio medico. Li avrò presi per circa un anno, alternando in realtà periodi in cui smettevo, perché era una cosa che faticavo ad accettare. In questo periodo mi ero anche fermato per un po di studiare e ho ripreso piu avanti. Comunque son riuscito a finire l'università a 27anni, beh non son stato certo un razzo...Una volta finita l'uni ero comunque molto incerto su da farsi, e sentivo che si riavvicinava la depressione. Ho fatto un po di colloqui di lavoro e gli esami di accesso al dottorato. M'hanno preso, mica ero raccomandato eh, è solo che quelli bravi vanno all'estero e il mio è una cosa che nessuno voleva fare..
In realtà iniziavo a essere piuttosto inquieto già dalla fine delle superiori e anche nei primi anni di università. Sono sempre stato timido e con la paura di affrontare la realtà. La timidezza e la mancanza di iniziativa, m'ha bloccato in tante esperienze, occasioni perse su cui a lungo ho rimuginato, cosa che continuo tuttora a fare inutilmente.
A tutto questo dovrei anche aggiungere che ho un po di problemi per quel che riguarda la sfera affettiva. Cioè per farla breve: non ho mai avuto una ragazza. O meglio non ho mai avuto un rapporto sessuale completo con una ragazza. Alcune esperienze ok, ma poca cosa davvero. Questa cosa mi ha pesato un sacco in questi anni, è stata motivo di ossessione e frustrazione, mi distoglieva dall'attenzione su qualsiasi cosa..invece devo ammettere che da circa un anno e mezzo a questa parte il desiderio mi si è abbastanza affievolito. Mi sento spento. Forse è in parte legato anche all'età.
Da novembre scorso, invece ho iniziato ad andare dallo psicanalista (junghiano). Ancora a volte mi chiedo se ne valga le pena, comunque prendo la cosa sul serio. Nei periodi che stavo peggio, mi svegliavo di notte tra incubi, anche gridando e pieno di paura, per questo pensavo fosse anche utile analizzare i sogni..
Non so se sono depresso o cosa. Forse sono un depresso esistenziale, fa parte della mia personalità...In fondo mi sembra di essere sempre stato così. Di traumi grossi non ne ho avuti..Lo psicanalista dice che ho un complesso da mancanza di affettività materna..I miei sono buone persone, che nella vità si son sacrificati molto, non sono bigotti o che altro, non mi hanno mai maltrattato e han fatto del loro meglio...Forse son persone un po freddine, però vabbeh…
Beh, come dire, vi ho vomitato addosso un po' della mia vita abbastanza alla rinfusa..non so a cosa possa servire..
Grazie per l'ascolto

Nuanda87

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 03.08.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Depressione esistenziale???

Messaggio  Saturday88 il Sab Ago 06, 2016 2:42 am

Ciao! Ho letto la tua storia, e devo dire che se leggessi la mia, troveresti molti punti in comune. Anch'io sono insoddisfatta, mi sento inutile, fuori luogo, demotivata, svogliata e perennemente in ansia. So cosa significa purtroppo. E pure io attraverso periodi "buoni" e periodi brutti. Ho sempre combattuto questi alti e bassi fin da quando ero piccola. La cosa più tragicomica è che sono bravissima quando si tratta di consigliare le altre persone, ma con me stessa sono una frana. Perciò quello che posso consigliarti è di non mollare mai. Lo so che la vita universitaria è molto tosta, però se hai un sogno, un obiettivo, e ci stai dentro nel compierlo, portalo a termine, perché ne vale sempre la pena. Son soddisfazioni grandi, te lo posso assicurare. La strada sarà sempre in salita, ma una volta arrivato in cima ci riderai su. E una volta che avrai archiviato questa esperienza vedrai che il resto verrà da se. Io mi sono fermata ad un master post universitario, che sinceramente mi è servito a ben poco, peró comunque conservo l'esperienza universitaria come una risorsa. Ora vorrei tanto trovare un lavoro serio, ma ti posso assicurare che il mondo del lavoro è anche peggio! Sii forte, e come ho scritto per me, se riesci a stare bene con te stesso, riuscirai poi a stare bene anche con gli altri, e magari qualche ragazza si accorgerà di te! In gamba e a presto!

Saturday88

Numero di messaggi : 11
Data d'iscrizione : 06.08.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Depressione esistenziale???

Messaggio  komet il Sab Ago 06, 2016 11:20 am

in assenza di veri e propri traumi, penso che tu abbia maturato questa insicurezza che come dici tu ti è di inciampo. essendo io attualmente piu fiducioso nella psicanalisi ritengo che possa aver assunto questa insicurezza in casa( insomma alla base ci sono sempre errori dei nostri genitori). il terapeuta dovrebbe spingerti a cercare di fare conquiste, non solo amorose, cercando di ridurre il tuo pessimismo nell' attesa e speranza che spicchi il volo. buona fortuna

komet

Numero di messaggi : 56
Data d'iscrizione : 06.08.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Depressione esistenziale???

Messaggio  Nuanda87 il Mer Ago 10, 2016 2:22 am

Saturday88 ha scritto:Ciao! Ho letto la tua storia, e devo dire che se leggessi la mia, troveresti molti punti in comune. Anch'io sono insoddisfatta, mi sento inutile, fuori luogo, demotivata, svogliata e perennemente in ansia. So cosa significa purtroppo. E pure io attraverso periodi "buoni" e periodi brutti. Ho sempre combattuto questi alti e bassi fin da quando ero piccola. La cosa più tragicomica è che sono bravissima quando si tratta di consigliare le altre persone, ma con me stessa sono una frana. Perciò quello che posso consigliarti è di non mollare mai. Lo so che la vita universitaria è molto tosta, però se hai un sogno, un obiettivo, e ci stai dentro nel compierlo, portalo a termine, perché ne vale sempre la pena. Son soddisfazioni grandi, te lo posso assicurare. La strada sarà sempre in salita, ma una volta arrivato in cima ci riderai su. E una volta che avrai archiviato questa esperienza vedrai che il resto verrà da se. Io mi sono fermata ad un master post universitario, che sinceramente mi è servito a ben poco, peró comunque conservo l'esperienza universitaria come una risorsa. Ora vorrei tanto trovare un lavoro serio, ma ti posso assicurare che il mondo del lavoro è anche peggio! Sii forte, e come ho scritto per me, se riesci a stare bene con te stesso, riuscirai poi a stare bene anche con gli altri, e magari qualche ragazza si accorgerà di te! In gamba e a presto!

Ciao, grazie tanto per il tuo commento!
"se hai un sogno, un obbiettivo, e ci stai dentro nel compierlo..." Eh guarda, anche questo è uno dei punti. Ora mi sento proprio come se di obbiettivi e sogni proprio non ne avessi, così come l'entusiasmo.... Non so se no ho mai avuti. Forse un tempo l'idea di fare il ricercatore, era quello che piu mi interessava, ma era una cosa abbastanza vaga, non saprei se definirlo un sogno..Mi son sempre chiesto fino a che punto vale la pena andare avanti. Fino a che punto le difficoltà che trovi davanti sono da superare con piu sforzo e impegno?.A che punto dirsi, "basta, questa non è la mia strada"?. Forse è solo che non ho le palle di affrontare la vita reale e vado avanti per inerzia, un po' come si fossi ancora a scuola..Intanto il tempo passa e non sono piu un ragazzino..
Certo laurearmi è stata una bella soddisfazione alla fine...ma ancora volta mi chiedo se quello che ho studiato e sto facendo ora è qualcosa che fa per me...la voglia di cambiare sarebbe tanta, la voglia di trovare qualcosa che mi entusiasmi...ma non saprei proprio da dove partire, dato che mi sento così vuoto e spento..
Da questa settimana sono in vacanza, son stato anche via qualche giorno con degli amici. Un po' questo ha aiutato a svagarmi, anche se ho avuto i miei momenti in cui mi isolo. I miei amici certo sanno che sono una persona con poco entusiasmo, ma non immaginano come mi sento veramente. Adesso sto un po' meglio, ma l'esperienza ormai consolidata mi dice che presto ricadrò in quella "buca di depressione", cioè quando dovrò riaffacciarmi al lavoro/studio..

Nuanda87

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 03.08.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Depressione esistenziale???

Messaggio  Nuanda87 il Mer Ago 10, 2016 2:53 am

komet ha scritto:in assenza di veri e propri traumi, penso che tu abbia maturato questa insicurezza che come dici tu ti è di inciampo. essendo io attualmente piu fiducioso nella psicanalisi ritengo che possa aver assunto questa insicurezza in casa( insomma alla base ci sono sempre errori dei nostri genitori). il terapeuta dovrebbe spingerti a cercare di fare conquiste, non solo amorose, cercando di ridurre il tuo pessimismo nell' attesa e speranza che spicchi il volo. buona fortuna

Ciao, grazie per il commento!
A lungo la frustrazione mi portava a prendermela con i miei genitori per le loro mancanze. Mi son sempre tenuto tutto dentro, e a loro non ho mai detto niente fino a circa 2 anni fa, nel momento in cui son stato peggio. In realtà a loro non ho mai rinfacciato niente, non credevo fosse giusto. in realtà poi dentro di me non credevo loro avessero delle colpe, e pensavo fosse tutto dovuto alla mia frustrazione.
L'analista invece mi ha portato a riflettere su questo, anche analizzando i sogni, e sarebbero venute fuori delle carenze affettive. Questo non significa che i miei sian stati degli stronzi, ma forse non han capito alcune cose che erano importanti per me, ma non l'han fatto con cattiveria. Tralaltro, in seguito una volta mio padre mi ha confessato di sentirsi in colpa per "esserci stato poco" quando (io e mia sorella) eravamo piccoli..
Posso chiederti che "tipo" di psicanalisi fai? credi quindi di aver fatto dei progressi? Ti fai analizzare pure i sogni? cosa ne pensi? Io ammetto che a volte nutro un po di dubbi...mi sembra a volte troppo vago..so che però è un cammino lungo e non qualcosa di immediato..

Nuanda87

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 03.08.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Depressione esistenziale???

Messaggio  serpico il Gio Ago 11, 2016 8:45 pm

questa cosa dei sogni e obbiettivi la voglio tirare fuori: ora tutti i professoroni e psichiatri con palle ti chiedono i tuoi sogni e se non tu non li hai soffri! Io per questa cosa sono stato depresso 10 anni poi un giorno me lo sono preso tutto per ragionarci sopra: allora se hai un desiderio nasce l'aspettativa o la speranza di raggiungerlo quindi nasce anche la paura di non poterlo raggiungere e da qui la sofferenza; nel caso fosse realizzato ci sarebbe una felicità momentanea e transitoria. Cercate una felicità momentanea? No non la cercate!
Soffrite per la paura di non avere un desiderio: ma se non avete un desiderio ne paura di non averlo siete liberi! Ve lo dico io che sono felice di quello che sono, non credete a quello che credono tutti! Ho indagato nella mia infanzia e mi sono fatto un auto analisi perchè credevo di essere nato infelice e tac sono arrivato alla conclusione che mi sbagliavo: ero felice fino al giorno che mi hanno inculcato questa bufala sulla necessità del desiderio e lo sono ritornato con la comprensione che il desiderio è il seme dell'infelicità, ora sta a voi! Chi s'accontenta gode e siete infelici perché non vi amate per quello che siete ma avete il desiderio di diventare qualcuno o altrimenti vi odiate per quello che non siete credendo di essere la maschera che indossate o il ruolo che recitate

serpico

Numero di messaggi : 61
Data d'iscrizione : 24.04.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Depressione esistenziale???

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum