Separazione

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Dom Lug 15, 2018 7:04 pm

Salve... sono sposato da 11 anni e sto con mia moglie da 15 , abbiamo una figlia di 9 anni, ma purtroppo mia moglie non mi ama più e siamo sempre più vicini alla separazione.
Lei dice che non mi ama, che non vede speranza per noi, tutti i suoi amici concordano con lei e anche la mia famiglia mi dice che devo farmene una ragione. Io sono andato in depressione, non ho più voglia di fare nulla, non riesco a lavorare, non riesco a godermi mia figlia, non dormo, perdo e prendo chili in poco tempo. Non riesco a riprendermi!!! Mia moglie non mi lascia definitivamente solo perché ha visto come mi sono ridotto e ha pietà di me. Vado in terapia, ma non mi aiuta! Ho preso farmaci per un mese, ma non voglio prenderli piu! Vorrei solo non perdere la mia famiglia.

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  ginustriste il Mer Lug 18, 2018 1:01 pm

Ciao,
quindi conosci tua moglie da ben 26 anni...è normale che ti senti una pezza...il problema è capire perchè siete arrivati a tale epilogo...se per un tuo, purtroppo problema non capito appieno o per una, direi anche alcune volte, normale crisi di coppia...dovresti fare chiarezza in te, capire quanto bene hai nei confronti di tua moglie, non come abitudine o situazione di comodo ( le cura la casa, panni, bambini ecc..ecc...) ma per la persona che è...chiarire quanto in lei sia cambiato nei tuoi confronti circa un avvenimento, uno sminuire del reciproco interesse od altro...dovresti, dovrebbe, ricordare i tempi del batticuore, quando si faceva tutto per l'altra persona, si dava tutto se stessi senza chiedere nulla in cambio...il famoso periodo dell'innamoramento...una flessione dell'umore, ad una certa età, sotto particolari condizioni ci può stare...se la situazione non è irreparabile ci vorrebbe da parte di entrambi un passettino verso l'altro, verso le esigenze di ognuno di voi non dimenticando che chi sconta maggiormente tale situazione è la bambina, che fra l'altro è nel suo periodo evolutivo più delicato e di cui non ha assoluta colpa...tranqullizzati, chiede aiuto ad uno psicologo, psichiatra che ti sappia ascoltare...cerca di far comprendere a tua moglie che è, il tuo, solo un periodo, che la mente, come tutti gli altri organi, può anche per un attimo vacillare, avere un " raffreddore "...ma che anche la mente, come il resto del corpo, è facilmente curabile...basta seguire con attenzione le cure...per qualsiasi supporto a tua disposizione...un abbraccio

ginustriste

Numero di messaggi : 30
Data d'iscrizione : 14.11.17
Età : 54

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Mer Lug 18, 2018 1:32 pm

Grazie della risposta. Credo di essermi espresso male, sto con mia moglie da 15 anni in tutto, di cui quasi 11 da sposati.
L’inizio della crisi è coinciso tre anni fa con un suo cambio di lavoro che la impegnava tantissimo e lei non si è sentita supportata, mentre io mi sentivo sempre solo, messo in secondo piano. Purtroppo è mancato il dialogo, anche perché eravamo troppo sicuri del nostro amore , e abbiamo fatto il patatrac. Solo che lei dice di non amarmi più, di stare con me per paura... e io sono depresso e non riesco né ad accettarlo, ne a lasciarla andare.
Non mi sento più nemmeno un buon padre, ho perso il sorriso... anche lei non sta bene, ma non si decide a lasciarmi , forse perché mi vede depresso, forse per paura, e io allora spero... ma spero nel nulla!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  ginustriste il Mer Lug 18, 2018 5:19 pm

...perdonami ma in questo periodo, diciamo di difficoltà, vai al lavoro ?!? Che lavoro fai...Quanti anni hai...

Ti posso dare, perchè provato sulla pelle, un consiglio...in questo momento, se puoi, astieniti da tirare le somme, prendere decisioni importanti, fare un sunto della tua vita...lo sò...il pensiero ti porta a tali considerazioni...ma permettimi di dire che in questo momento la tua mente è, come posso dire, annebbiata, offuscata da pensieri che vanno dal ricorrenti al pessimismo cosmico...ma è, in gran parte, una distorsione della tua stessa mente...sì strano a dirsi, funziona, sembra che funzioni appieno ma in parte ti stà gabbando...forse uno psicologo, uno psicoterapeuta ti potrebbe dare maggiori info a riguardo...non trascurare questo aspetto...se in tè sorge il desiderio di confrontarti in questo, come in altri forum...non vedo perchè, non ti potresti accostare ad una seria figura di dottore, che ti possa aiutare in questo periodo della tua vita...non penso che le frasi fatte del tipo...dai forza, ce la puoi fare da solo, datti una scossa, con la volontà ci riesci...possano servire al 100%...è premere su un acceleratore la cui auto è in riserva...per cui a poco serve insistere più di tanto...
Come ultimo, poichè già passato io, e di questo non me ne vergogno assolutamente, ma al contrario mi è di sprono per aiutare nel mio piccolo altri che ristagnano nella palude, il periodo estivo, con il caldo è uno dei più brutti dell'anno, per chi vive situazioni, diciamo, difficili...si fanno paragoni assurdi, la calura mina le riserve fisiche, già in affanno...quindi se c'è ancora un briciolo di calma, di raziocinio...aspetta...aspetta...aspetta...e con calma cerca, con l'aiuto di chi vuoi, trovare pian piano la strada d'uscita...
Il sentimento che provavo era...di voler uscire subito ed in fretta...senza troppi drammi...ma non è così, in generale, che funziona...così come, alcune volte, ci sono voluti anni per rodersi l'anima...così ci vuole tempo per uscirne...ma alla fine, ci si riesce...e le cicatrici che rimangono, testimoniano solo che siamo diventati più forti...abbiamo combattuto e vinto per tutti i nostri cari e per noi stessi in particolare...

...un abbraccio

ginustriste

Numero di messaggi : 30
Data d'iscrizione : 14.11.17
Età : 54

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Ven Lug 20, 2018 9:22 am

Ho 39 anni. Lavoro davanti ad un computer e quindi pensi sempre a noi, ai miei errori.

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  ginustriste il Ven Lug 20, 2018 10:51 am

...mi riconosco in te...per il lavoro e per i pensieri...per me i problemi erano come quando lavoro al computer...un approccio completamente razionale...ho un problema cerco per tutta il tempo che occorre di risolverlo...il lavoro è finito quando il problema è risolto...

Aimè, me ne sono accorto sulla mia pelle, alcuni problemi non hanno una soluzione così razionale, così meccanicistica...alcuni si risolvono con il tempo, con tanta tanta pazienza e dedizione...
Altri invece non ammettono soluzione...in particolare quelli del passato o paure future non possono essere cancellati o completamente predetti dalla nostra volontà e mente...per tanto occorrerebbe lasciarli andare, non toccare il vaso di pandora che gli racchiude...pena l'arrovellarsi la testa vicino ad essi...

Esiste una tecnica, diciamo semplice a riguardo, circa i pensieri ossessivi e ricorrenti...

...un abbraccio

ginustriste

Numero di messaggi : 30
Data d'iscrizione : 14.11.17
Età : 54

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Ven Lug 20, 2018 12:14 pm

Che tecnica? Mia moglie ancora non mi ha lasciato... ma è come se l’avesse fatto: la infastidisco, la irrito come dice lei... io vorrei recuperare il rapporto... ma lei dice che non mi ama, che capisce cosa vorrei, ma che non riesce, che è infelice, che non mi riconosce più così depresso, che devo reagire... che lei vuole essere felice, ma non ingloba mai me nella sua felicità! È il periodo più tosto della vita, in realtà la mia vita è sempre stata facile, nessun lutto, casa con i miei, Università, matrimonio, famiglia con bimba! È proprio per la bimba che dovrei riprendermi ma non riesco! Ho paura del futuro, e mi fa schifo il presente, vorrrei un passato che non può tornare!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Ven Lug 20, 2018 12:15 pm

Sto andando in terapia... ma non ne traggo sollievo!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  ginustriste il Ven Lug 20, 2018 5:04 pm

...non è colpa di nessuno, credimi...tu sei in una situazione di sofferenza e tua moglie non ha gli strumenti per capirti più di tanto...ripeto non è colpa di nessuno...dovresti affiancarti ad un bravo psicoterapeuta, ad un grande amico fidato che ti sappia ascoltare, non caricare oltre i limiti la situazione, astieniti da giudizi, da conclusioni eccessive. Questo fra l'altro è un periodo particolare: caldo, ferie, gli altri felici in vacanza...ma non sarà sempre così credici...tornarà il sole...tornerai a sorridere...con la tua famiglia...con tua figlia...con tua moglie...

Puoi anche evitare di rispondere, ma, nelle mie poche capacità di aiutarti, mi sfugge il motivo di questo diciamo " burn out " che ti stà cadendo addosso...?!?

Tencniche di mindfulness ve ne sono...ma sarebbe, opportuno, essere seguito da un psicoterapeuta...la più semplice, consiste nel non continuare dalla mattina alla successiva, se questo è il tuo caso, a rimurginare sui pensieri...devi avere ben chiaro, considerando che una parte della tua mente è dedita ad operare sui computer, che il passato non lo puoi cancellare, nè vi puoi ritornare...è solo un modo che hai di cercare di trovare nei ricordi passati una felicità effimera, che non esiste più...la dovresti vedere in maniera più distaccata...ma è questo, anche, il problema...allora, devi, nell'arco della giornata, scegliere un periodo di mezz'ora ove da solo, puoi dedicarti all' " amarcord " della tua vita...mezz'ora e basta...in tal modo cerchi di programmare la tua mente a non perseverare per tutto il tempo, nei ricordi, ma a dedicare solo una parte della giornata ad essi...dopo, durante il resto della giornata, anche se ti potrebbe venire in automatico rivangare quei pensieri, cerca per quanto ti è possibile, di allontanarli...di dire...ora non è il momento...lo farò nella mezz'ora dedicata ad essi...

Un'altro metodo, da affiancare, è quello di tenere un diario...di scrivere tutte le cose che ti accadono, le cose belle e brutte della giornata, della settimana, della vita...lo scrivere riaccende la parte razionale del cervello, quella puntuale, che fà i calcoli, che programma e progetta...

Ripeto non ti abbattere...con le giuste persone, il giusto aiuto di professionisti, senza incolpare tua moglie che non ha gli strumenti per capirti appieno, ne uscirai come un computer appena formattato...perfetto ed in piena efficienza...credici da uno che la sera, la notte è stato molto, ma molto, male...con la beffa che la mattina dovevo rimettermi la maschera dell'assennato, tranquilla persona...

...un abbraccio

ginustriste

Numero di messaggi : 30
Data d'iscrizione : 14.11.17
Età : 54

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Ven Lug 20, 2018 5:26 pm

ginustriste ha scritto:
Puoi anche evitare di rispondere, ma, nelle mie poche capacità di aiutarti, mi sfugge il motivo di questo diciamo " burn out " che ti stà cadendo addosso...?!?

Cosa intendi con "burn out"?
Provo a dare qualche dettaglio in più.
Tre anni fa mia moglie ha cambiato lavoro, per aiutare il padre con il quale ha sempre lavorato, ma che dopo la chiusura della loro ultima attività sarebbe rimasto senza lavoro. Il nuovo lavoro le piace e piaceva da matti, ma soprattutto all'inizio era molto impegnativo e duro per lei. Io mi sono sentito solo, lei non c'era mai, e lei si è sentita non supportata da me. Nello stesso periodo stavamo cercando di avere un secondo figlio che non è arrivato, in quanto mia moglie, ha causa di una operazione alle ovaie è diventata sterile. Prima di capire questa sterilità mia moglie ha fatto anche un'inseminazione artificiale, ma poi vedendo che non stava bene emotivamente abbiamo deciso di non fare altri tentativi (l'inseminazione si dovrebbe provare tre volte). Lei mi ha accusato di non averla capita, supportata, ma onestamente anche io ero molto triste per non poter avere un secondo figlio, ma avendo una splendida bimba e lei, ero contento.
I mesi sono passati, e lei mi dava sempre meno attenzioni, non progettava con me, l'amore era una cosa meccanica, e non mi cercava quasi mai... io mi sono sentito sempre più solo, cercavo di riavvicinarmi a lei, ma nel modo sbagliato ... nel senso che brontolavo, come per farmi vedere, sentire, e pretendessi da lei che si avvicinasse a me (ho sbagliato e lei si è allontanata sempre di più).
Poi non capendo più cosa succedesse le ho chiesto se mi amava, lei ha detto "NON LO SO".
Ho scoperto che ha avuto un flert non sessuale con un'altra persona, per la quale provava sentimenti vicini all'amore, ma non amore.
Ha smesso di vederlo e sentirlo, ma non è più tornata da me, pur provandoci... e ora mi dice che "NON MI AMA", che non ha attrazione per me, che non vede un futuro insieme... io sono diventato assillante, opprimente, e anche geloso... mentre prima ero solo orgoglioso che una bella donna come lei avesse scelto me. Ora lei vuole uscire con amici, amiche, abbraccia amici e amiche, ma non me. Poi esce poco perchè non vuole farmi soffrire, ma vorrebbe uscire, non sopporta più di starmi vicino, ma dice che mi vuole bene....
e io ho perso il sorriso, lei anche, ma lei l'ha perso con me, con i suoi amici e amiche no.
è rimasta una mamma sorridente, io no!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  ginustriste il Ven Lug 20, 2018 6:10 pm

BurnOut

...servirebbe uno psicoterapeuta che ti possa aiutare per risolvere piccoli nodi che forse neanche tu conosci...da quello che dici è la tua continua richiesta di attenzione, che da prima è stata lieve...con il cambio di lavoro di tua moglie e poi maggiore, con l'evento dell'operazione della signora, ad essere cause innescante...

Vi è una parte di te, ancora in crescita, che necessita di continue rassicurazioni...non hai purtroppo tenuto conto di alcuni fattori...in primo il cambio del lavoro è stato stressante per te, ma penso anche molto di più per tua moglie...l'operazione subita, in un posto delicato, ha innescato nella donna un sistema di protezione...al di là di eventuali, non trascurabili, problemi ormonali...la donna si approccia all'altro sesso per amore, per complicità, perchè affascinata dall'altro...quindi se per te, diciamo fare l'amore, era il massimo per la tua sicurezza, autostima per lei forse non era cosa piacevole...ma non per te...per il fatto che in quel momento quegli organi erano visti come una cosa che provoca dolore, disagio, e non piacere...la donna si accosta all'uomo prima mentalmente e poi fisicamente...( salvo trovare donne che hanno solo un pensiero fisso...e ci starebbe anche bene...scherzo... Laughing )

Ecco perchè è nato il flirt platonico, di simpatia...di persona che non chiede ma sà ascoltare...è questo che dovresti ricominciare a fare...ascoltarla, non mettere in evidenza io, io, io...ma noi, tu moglie, come ti senti, come và, posso fare qualcosa per te...stupiscila con attenzioni, con delicatezze...il resto verrà da sè

Come ultimo, per chiarire...pensa se tu avessi subito una operazione ai testicoli come ti saresti potuto sentire...con quale facilità avresti pensato ad altro se non a stare solo tranquillo...

La sua voglia di stare con amici, con amiche, voglia di abbracci c'è ancora...è insito nella psicologia femminile...ma non vede te, non riesce a ricordare quanto amore ha nei tuoi confronti tanto da aver generato un'altra vita...è solo spaventata perchè in questo momento non ti riconosce per quello che sei sempre stato...

Ma non è colpa tua, o sua...dovresti, non assilarla, ma con l'aiuto di persone qualificate, psicologi, psicoterapeuti, cercare anche tra di voi fare chiarezza...giocare a carte scoperte...non continuare a chiedere conferme, come un bambino...ma portsi seriamente un obbiettivo di capire e risolvere un piccolo disagio che con il tempo si stà ingigandendo...se lo affronterete da persone adulte, senza maschere ed ipocrisie, ne uscirete vincitori...nessuno conosce il futuro...importante è ritrovare la pace interiore tutti...

...un abbraccio

PS
Se non ti rispondo sabato e domenica...è perchè Internet e connessioni varie non le uso a casa...mi depuro...da tutto... Shocked

ginustriste

Numero di messaggi : 30
Data d'iscrizione : 14.11.17
Età : 54

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Dom Lug 22, 2018 11:04 am

Grazie mille dei consigli... mi stai dando una nuova prospettiva!!! Spero solo di riuscire a crescere velocemente... prima di perdere la mia famiglia in maniera definitiva! Sto cercando di essere più maturo... ma non è facile... e desidero talmente tanto mia moglie, le coccole, le attenzioni, fare l’amore... ma tutto questo non c’è più e ho paura che non torni mai più!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Dom Lug 22, 2018 4:49 pm

Continua a dirmi che mi vuole bene, ma che la irrito quando le chiedo di riprovarci... mi vuole bene, ma non riesce ad abbracciarmi, baciarmi e figurarsi altro... domani dovremmo andare da un avvocato insieme, io sto andando in terapia da solo, e la terapista mi dice che le mie richieste sono comprensibili! Andiamo anche in terapia di coppia ( ci eravamo già andati a inizio anno da un altra terapista, dove aveva capito che il non sapere se mi amava, era che non mi amava) ma qui sembra che la colpa sia solo mia, del mio bisogno di lei, del fatto che non dovrei crollare se mia moglie vuole lasciarmi, se perdo la famiglia! Lo so ci sono cose peggiori, se ragiono, ma il fatto è che non riesco a ragionare!!! Mi manca mia moglie, quello che avevamo! Quello che probabilmente ho distrutto con i miei bisogni di attenzioni! Non so come venirne fuori...dovrei pensare a riprendermi, a non avere bisogno di attenzioni... ma mi spaventa da morire perdere la famiglia che avevamo costruito... non solo mia moglie, ma anche il rapporto quotidiano con mia figlia ( in 9 anni ho sempre svegliato è vestito io mia figlia; portato a scuola,eccetera ... mia moglie alla mattina presto lavora e non c’è) la nostra casa... dover andare via e ricostruire, ripartire da zero!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Lun Lug 23, 2018 11:02 am

Oggi mi sento davvero solo è abbattuto! Primo giorno di ferie...ho mia figlia, ma sono talmente triste! Perché non riesco a godermi il fatto di poter stare con mia figlia? C’e davvero qualcosa che non va in me!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  merla il Lun Lug 23, 2018 11:50 am

Ciao Nietzsche,

Guarda che non c'è qualcosa che non va in te, solo perché in un periodo di crisi familiare non riesci a goderti appieno la compagnia di tua figlia.
Quando si soffre per una ragione, si soffre anche se tutte le altre cose vanno bene e non serve a niente sentirsi in colpa per questo. [neanche sentirsi in colpa per soffrire di mancanza di attenzioni dal/la compagno/a serve né ha senso. se hai bisogno di attenzione, quello hai, ed è normale volerla dalla persona che ci sta accanto; semmai al massimo serve ragionare e accettare che nessuno può darci sempre quello di cui abbiamo bisogno e, accettato questo, chiedersi se quello che una persona ci dà è abbastanza o no].

Quindi, per quanto riguarda la tua bambina, credo che tu possa semplicemente riflettere su come la tratti: per tua figlia l'importante non è (sarebbe surreale) avere un padre sempre felice, ma è importante avere un padre che le vuole bene, non la tratta male, non la trascura e non le scarica addosso i suoi problemi. I bambini non sono stupidi e possono capire e sostenere il fatto che un adulto sia un po' triste, un po' stanco; anzi è più sano che i bambini vedano che le persone sono tristi e stanche quando le cose vanno male, piuttosto che creare una situazione surreale in cui si è sempre felicissimo anche quando la situazione è pesante.

Detto questo, forse puoi smettere di colpevolizzarti per il modo in cui stai: se, come dici, non hai mai avuto grossi dolori nella tua vita è normale che per te questo periodo sia particolarmente difficile, ma il dolore è semplicemente così, molto difficile da accettare e il primo grande dolore, da questo punto di vista, è il più difficile di tutti perché non si ha esperienza del fatto che, in qualche modo, prima o poi passa.
Forse anche, ed è proprio soltanto un'impressione, potresti anche colpevolizzarti un po' meno per come sta andando il tuo matrimonio: a parte che in un rapporto in genere si "sbaglia" sempre in due, ma poi, e forse soprattutto, colpevolizzarsi eccessivamente alla fine ha come conseguenza principale proprio il non accettare che le cose stiano andando come stanno andando e questo sicuramente non aiuta a vedere la situazione in modo lucido.
avatar
merla

Numero di messaggi : 2159
Data d'iscrizione : 09.01.08
Età : 43
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Lun Lug 23, 2018 12:55 pm

Probabilmente hai ragione, ma questo periodo mi sta distruggendo... vorrei trovare la maniera di non perdere la mia famiglia! Ma se mia moglie non mi ama... come posso recuperare? È vero che stiamo andando in terapia... ma lei dice di non avermi lasciato solo perché ha paura per me! Come può una persona andare in depressione, apatia, per essere stato quasi lasciato... non è nemmeno successo! Mi sento in colpa nei confronti di mia figlia! Al lavoro non rendo come dovrei... non ho voglia di fare nulla! Avrei il solo desiderio che mia moglie mi dicesse ce la faremo! Mi sento davvero sbagliato!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  merla il Lun Lug 23, 2018 2:20 pm

Il fatto è che in realtà sentirsi dire "Non ti amo, ma non ti lascio perché stai male" di per sé è molto più disorientante che essere direttamente lasciati, quindi non stupisce che tu stia così male.
Anche perché quella posizione non vuol dire nulla: se tu stessi bene, cosa farebbe? Ti lascerebbe subito?

Cerca di recuperare un po' di distacco, anche con la terapia, partendo dal presupposto che se tua moglie t'ama o non t'ama dipende molto più da lei che da te, e puoi farci poco se non parte anche da lei la volontà di recuperare.
Non vorrai mica avere accanto una persona che sta con te controvoglia no?


avatar
merla

Numero di messaggi : 2159
Data d'iscrizione : 09.01.08
Età : 43
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Lun Lug 23, 2018 2:35 pm

No, ma ho paura di perderla... e in contemporanea mi fa schifo stare così, sapere che non mi ama, che anche lei sta sprecando la vita. Vorrei riconquistarla, ma non credo di essere in grado ora. Eppure ero riuscito a conquistarla ... ma ero un me diverso. Ora non riesco a riprendermi.

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Lun Lug 23, 2018 2:51 pm

Dovevamo andare dall’avvocato... ma mi ha appena detto diamoci un altro mese! Vorrei trovare la forza di tenere insieme la mia famiglia! L’ho abbracciata e ora sono scappato in camera e sto piangendo!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Mar Lug 24, 2018 9:13 am

Anche questa mattina mi sento da schifo... eppure sono in ferie con mia figlia... la porterò in piscina, cenerò con amore ci... ma senza mia moglie... che andrà fuori con suoi amici. Questa non è la vita che avrei voluto, ma ci sono cose belle: stare con mia figlia e con amici! Perché non riesco a godermi nulla, ma pendo solo a quello che non ho più? Come devo fare per riprendermi!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  ginustriste il Mar Lug 24, 2018 10:50 am

Ciao a tutti,
scusa Nietzsche1979, ma mi sfugge se oltre i vari incontri, stai prendendo dei farmaci...

...devi avere la forza, per quanto ti è possibile, ma non sempre si riesce, si ha in testa un disco incantato, astenerti da sempre gli stessi pensieri, paure, dubbi ed incertezze...non è facile, non ci si riesce, altrimenti nessuno sarebbe incatenato con il " cane nero ", ma è doveroso dirtelo...e dovresti importi di farlo...non perseguire i tuoi pensieri, che non è la vera realtà, ma è un tuo solliloquio interno

...ripeto, quello che ora sembra per te insormontabile, invalicabile, irrisolvibile non è la verità...fidati...è un tuo modo distorto, di pesare gli avvenimenti della vita...pensa...alcune volte è successo, che alcuni si sono risvegliati, dal loro torpore, annebiamento per uno shock inaspettato, che la vita gli ha propinato...non è l'avvenimento, ma è lo shock di una notizia bella o brutta che sia, che scuote i circuiti sinaptici, fà a modo di " refresh " della memoria ram, facendo in qual misura ripartire nuove connessioni

...ti spiego, anche perchè, chi ha una intelligenza diciamo maggiore della media, è anche più difficile ad essere curato semplicemente...Crying or Very sad

...noi in fondo, in fondo siamo animali con pulsioni elementari...quindi siamo nati per mangiare, dormire, accopiarci, vivere, difenderci da animali pericolosi...tutto quello che siamo diventati, dopo, è dovuto alla società, al vivere insieme ad altri, a regole e convenzioni che hanno filtrato ed in parte deviato i nostri comportamenti

...quindi se vi è un problema, tipo attacco di una tigre con i denti a sciabola, noi produciamo, i nostri avi ovviamente, subito adrenalina, le pupille diventano grandi, il cuore aumenta i battiti, tutto il nostro corpo è pronto per attaccare, difendere o scappare...poi, dopo un pò vi è la calma ed il nostro fisico e mente si riacquieta

...nel mondo di oggi le cose non funzionano così, anche se vi sono piccoli, grandi fenomeni stressogeni, noi continuiamo a sopportare, ad abbozzare alla Fantozzi...in questa implosione, per evitare di rovinarci completamente, il corpo produce cortisolo, per abbassare il livelli di infiammazione, dovuta alla mancanza di una risposta rapida e puntuale...ma il cortisolo, da molti rinominato l'ormone dello stress, della depressione, abbatte ormoni buoni che si riducono in quantità ed efficacia

...in definitiva, un qualsiasi stress oltre i limiti, personali, di sopportazione...( bassi, ma altrettanto significativi nei bambini; alti, ma altrettanto fragili negli adulti ) porta irrimediabilmente a forme di depressione minori o maggiori

...chi non è soggetto, a tali cali umorali, ha una caratteristica più unica che rara...molto più pregiata, di tutto l'oro del mondo...la " resilienza "...ma questa è un'altra storia... Laughing

...tutto questo per ricordare che le moderne linee guida consigliano un approccio sia farmacologico che psicoterapeutico...perchè se il primo, anche con una terapia leggera ma sempre sotto controllo medico, servirà a dare la forza all'individuo in affanno di uscire dal suo stato di palude...quello psicoterapeutico ha un effetto iniziale più lento ma ha una efficacia maggiore nel lungo periodo e permette di abbandonare, quando possibile, sempre sotto la supervisione di un dottore, la cura farmacologica
...la psicoterapia permette di migliorare, far crescere quel concetto di " resilenza ", di resistenza a fenomeni stressanti, di difficoltà della vita...non sono tante parole, ma concetti semplici, metodi pratici di pensare in maniera alternativa...è come passare da avere windows, in testa, ad avere un buon linux resistente ad attacchi di virus e warm... Laughing Laughing Laughing ...no Apple troppo costoso e non open source... Laughing Laughing Laughing

...in definitiva, brevemente, bisogna convincersi che si ha il bisogno di essere aiutato...senza vergogna, senza ipocrisia...sempre e comunque...e se quel dottore non ci piace, ci ha liquidato i tre minuti...cambialo...è nel tuo diritto...e va al diavolo, bonario, a quelli che non ci capiscono...loro non hanno mai provato questa esperienza...e quindi è inutile continuare a chiedere aiuto, a questi ultimi...non è colpa loro, non hanno le corde giuste acchè possano risuonare con la nostra anima ferita

...in una sola parola keep kalm and look over

...un abbraccio

ginustriste

Numero di messaggi : 30
Data d'iscrizione : 14.11.17
Età : 54

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Mar Lug 24, 2018 11:41 am

Farmaci li ho presi per un mese... ma mi sembrava una sconfitta... una stampella che prima o poi dovrei eliminare e per questo vorrei non prendere! Penso sempre , ma perché non vuole riprovarci, ma se mi ha amato come può non farlo più! E invece è possibile, e invece si è allontanata probabilmente per i miei comportamenti! Nella mia testa vorrei essere migliore per farla tornare da me, invece dovrei solo cercare di stare meglio per me, indipendentemente da lei, per mia figlia che ha bisogno di un padre. E non pensare più a mia moglie. Pensare a lei, al fatto che vorrei tornasse mi sta rovinando la vita... i rapporto con gli altri che mi vedono sempre triste... con mia figlia che non mi vede sorridere... e ovviamente con mia moglie che non riconosce in questo omuncolo senza personalità, l’uomo o il ragazzo di cui si era innamorata.

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Mer Lug 25, 2018 12:21 am

Oggi non ci siamo visti quasi per niente... lei non ha visto per niente nostra figlia... è uscita con delle amiche... io non mi fido più... non mi tradirà, ma non mi fido, e non sono mai stato uno geloso, ma solo orgoglioso che una bella donna come mia moglie stesse con me. Ora mi ritrovo geloso, geloso di una donna che non mi ama! Ma che senso ha? Voglio questo dalla vita? Aspettare una donna che ora non esiste più? Oppure merito di essere amato con i miei difetti... certo è la madre di mia figlia, certo ci siamo sposati, ma è lei che non mi vede e cerca altro ... e io al posto di voltare pagina, cado in depressione... e ora non dormo... perché lei non è rincasata! Non capisco più me stesso, non mi piace come sono, non mi piace chi è lei ora... rincorro un passato che non esiste più, invece di vivere il presente, e di costruire un futuro diverso!

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  ginustriste il Mer Lug 25, 2018 9:51 am

Ciao a tutti,
a differenza di quello che ho scritto precedentemente, sarò breve, serio e conciso...

da quello che dici sei stanco, confuso...ti prego...credimi...anche io mi sono sentito così...credici davvero...ti parlo con il cuore in mano...spero, che ti possa fidare, di quello che anche io ho attraversato...un anno e passa di calvario, per poi iniziare una cura leggera ma molto, tanto efficace e risolutiva...unica via di uscita...l'unica cosa che puoi fare è chiedere aiuto ad un bravo dottore, medico, psicoterapeuta e farti seguire...inizia la cura e continua la cura, senza dopo un pò lasciarla...altro non voglio dirti perchè ti scoccerei...ti prego...leggi attentamente con la mente ed il cuore le mie parole...

...un abbraccio

ginustriste

Numero di messaggi : 30
Data d'iscrizione : 14.11.17
Età : 54

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Nietzsche1979 il Mer Lug 25, 2018 11:23 am

Grazie di cuore delle risposte... se ho ben capito mi consigli di affiancare alla cura psicologa che faccio dal terapista una farmacologica... e di non decidere nulla con mia moglie a meno che non sia lei a scegliere di lasciarmi. Mi sembra una sconfitta immane, ma non ne vengo fuori... quindi credo tu abbia ragione, ma non riesco a capacitarmi di essere così debole.

Nietzsche1979

Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 15.07.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Separazione

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum