Depressione: una lotta continua

Andare in basso

Depressione: una lotta continua

Messaggio  Matteo90 il Dom Gen 13, 2019 11:13 pm

Ciao a tutti, sono Matteo, un ragazzo di 28 anni, ho deciso di scrivere perché ho davvero bisogno di sfogarmi e parlarne.
Allora da dove comincio: posso dire che soffro di una forte depressione da circa 3 anni ma non è sempre stato così. Come un po’ tutti da adolescenti, facciamo delle stronzate, sbagliate compagnie, ma soprattutto droghe( cocaina, canne, ecstasy, trip ecc), il mio problema fu che ho messo le droghe al primo posto e quando iniziai a fumare la coca( crack) beh li ti rendi conto di essere un tossico. All’iniziò era tutto bello, andavi a ballare, gente più grande ma poi capisci dì essere in un tunnel. A volte non so neanch’io come ho fatto ma sono riuscito lo stesso a diplomarmi ( nonostante mi drogavo comunque studiavo e andavo anche bene) e da SOLO( all’età di 20/21 anni) sono riuscito a uscire dalla droga grazie probabilmente al lavoro, palestra ma soprattutto dopo che fumavo la coca, il giorno dopo mi sentivo una cacchina sia fisicamente, mentalmente e anche economicamente. Dai 21 ai 25 anni sono stati gli anni più belli della mia vita, viaggi all’ estero, fisicamente stavo molto bene, andavo molto in palestra e a correre, ma poi soprattutto, non mi vergogno a dirlo, all’età di 24 anni ho avuto la mia prima relazione seria e il mio primo rapporto sessuale con una ragazza, insomma andava tutto alla grande. Ma poi ovviamente successe la catastrofe, purtroppo nonostante avessi già realizzato molti desideri, volevo di più è come un castello di carte, caduta una carta, non c’è speranza, cadono tutte. Dopo 7 mesi di relazione ci lasciamo per causa mia ovviamente, volevo trovare una ragazza migliore, lei scopre che ho scritto ad un altra e da qui inizia la rovina, capisco di aver fatto una grande stronzata perché, ovviamente lo si capisce dopo, ero veramente innamorato, ma ormai il danno è fatto e dopo un mese di tira e molla ci lasciamo. Sono stato davvero male perché è stata la mia prima volta che provavo cosa vuol dire perdere una persona che si ama davvero, che ti ha davvero voluto bene. È brutto da dire ma se seguo l’istinto mi viene da odiarla, ma se ascolto la ragione non posso fare altro che ringraziarla perché mi ha fatto capire che le persone giuste bisogna tenersele strette. Per superare questo malessere ho cominciato ( e mi sono sorpreso di me stesso) a uscire con un sacco di ragazze, fare viaggi , lancio con il paracadute, tatuaggi ma serviva a poco sinceramente. Anche se uscivo con alcune ragazze, conosciute su Facebook, durava sempre tutto poco, o non mi andavano bene a me o c’era sempre qualcosa che non scattava, io non volevo solo sesso ma ancora quella scintilla ma la verità è che non stavo bene con me stesso. Come se non bastasse ebbi un incidente in palestra alla spalla destra, quindi non riuscivo ad allenarmi, fisioterapisti, medici ma non passava, per me allenarmi era uno sfogo, stavo bene, e non poterlo fare come prima mi stava uccidendo. Ho passato un anno a lottare per sistemare la spalla e con l’agopuntura ci ero riuscito, ho ricominciato piano ed ero tornato più o meno come prima, ma nonostante tutto non stavo bene. Ho cominciato a isolarmi dagli amici, non volevo più uscire, la gente mi faceva schifo, nessuno mi capisce, pianti, un sacco di pianti. Nel 2016 dopo 5 anni di lavoro come impiegato, perdo il lavoro a causa di un collega, beh da lì depressione totale. Dopo 6 mesi trovò un altro lavoro ma dopo 8 mesi mi lasciano a casa, agosto 2018( sei bravo ma non abbiamo più bisogno). Dopo questa ennesima batosta, non ho amici, non ho una ragazza con cui costruire qualcosa, sono sempre giù di morale, depresso, sofferente vedo una piccola luce( siccome per 2 anni sono uscito molto poco, ho risparmiato soldi quindi decido di partire per Australia), mi sembra l’unica soluzione, anche perché ho bisogno di una svolta. Vendo la macchina, prenoto il volo, un corso di inglese ma ovviamente deve sempre succedere qualcosa: a settembre sento ancora dolore alla spalla, faccio una risonanza e scopro di avere una lesione( quindi niente palestra, niente farmi e altre limitazioni), l’unico modo per risolverla è l’operazione. Beh io non ho parole, giuro in questi 2 anni non ho idea di quante volte abbia pianto, sto tentando di tutto per uscire da questo tunnel ma sembra impossibile. Amici non ne ho più, ne ho solo 2 che posso considerare amici ma escono con persone con cui non mi trovo quindi non li vedo mai diciamo, mi sento veramente solo. Mi sembra di aver tentato tutto: leggere, studiare inglese, andare a spasso con il cane, faccio di tutto per distrarmi ma sono cose momentanee, a volte riesco e moltissime volte NO. Mi sento come se il mondo c’è l’avess con me, come se il mio impegno non viene ricompensato, anzi, come se tutti di escludessero, nessuno ti capisce, agli altri va tutto bene a me ZERO. So che non è così razionalmente ma faccio davvero fatica a usare la ragione e ogni volta la depressione, ansia, tristezza, paure, pochissima fiducia in me stesso prevalgono. Alla fine ho deciso che adesso mi opero per risolvere questa cosa una volta per tutta e tenere due soluzioni: rimarrò qui solo se trovo una ragazza con cui creare una famiglia oppure partirò per l’australia ma entro la fine dell’anno. Ovviamente ho un sacco di paure, ho soldi da parte e sto prendendo la disoccupazione ma ho sempre un sacco di pensieri negativi: riuscirò ad avere abbastanza soldi per partire, riuscirò a operarmi il prima possibile in modo che entro l’anno parta, davvero se anche stavolta non riuscirò beh non vedo molte soluzioni, è davvero brutto dirlo ma in questi 3 anni ho pensato tante volte al suicidio e spero di non arrivare a tanto ma se le cose non andranno come dico, purtroppo non vedo soluzioni, ad alcuni l’impegno ripaga ma per altri no. Spero alla fine di realizzare qualcosa: una famiglia o una vita all’estero, ritrovare il sorriso che avevo avuto una volta. Ringrazio già anticipatamente chiunque abbia speso anche solo un minuto per leggere la mia storia e auguro a tutti di risolvere i problemi che avete, anche se non è facile

Matteo90

Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 13.01.19

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Depressione: una lotta continua

Messaggio  Anonimo7 il Mar Gen 15, 2019 2:14 pm

Ciao ho letto la tua storia. Continua la ricerca della felicità e di qualcosa che riempia il vuoto

Anonimo7

Numero di messaggi : 3
Data d'iscrizione : 11.12.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum