Il vuoto

Andare in basso

Il vuoto

Messaggio  TarantulaGuy il Mer Dic 13, 2017 9:14 pm

Ciao a tutti mi presento, mi chiamo Luigi sono un ragazzo di 24 anni e mi sento uno schifo totale una perfetta ed insignificante nullità con un senso di colpa enorme. Sono l'ultima persona che dovrebbe lamentarsi:ho una famiglia,una ragazza,un lavoro e un sacco di animali che sono la mia passione (anche se non provo più gioia nell'osservarli o nel prendermi cura di loro).Non ho la più pallida idea di cosa ci sia in me che non va ma penso e ripenso a cose del passato che credevo di aver superato ormai da un pezzo:amicizie finite,amori andati male,aver abbandonato la scuola ed un infinità di cose brutte che nemmeno ricordo perché i pensieri mi frullano in testa così velocemente che ormai non sto nemmeno più a cercare di ricordarmeli,fatto sta che sento la mia testa così fuori controllo che non riesco più a provare affetto per i miei genitori,a concentrarmi durante le ore di lavoro e sto perfino mettendo in dubbio i miei sentimenti nei confronti della mia ragazza che si sta sforzando tanto nell'aiutarmi a "combattere" questo vuoto che mi attenaglia tutto questo coronato dal sonno che a volte e discontinuo e quando é continuo non mi fa sentire riposato.
Sto impazzendo. Questa é la seconda volta che mi capita di sentirmi così e sentire di nuovo l'incubo che ho già vissuto 2 anni farsi vivo mi ha spinto a scrivere su questo forum perché mi sento solo,spero di non fare la figura di quello che ha tutto e si lamenta ma io proprio non riesco a trovare pace dovrei essere felice e spensierato non perennemente triste e apatico.
avatar
TarantulaGuy

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 13.12.17
Età : 25
Località : Modena

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il vuoto

Messaggio  canterel II il Ven Dic 15, 2017 12:03 am

Ciao TarantulaGuy,
Secondo me non esiste il dovere di sentirsi felici, ma piuttosto la responsabilità di esercizio della coscienza personale (di sentirsi felici come di sentirsi infelici).
Quando mi sento infelice, cerco di comprenderne i motivi e di non vergognarmi del mio sentimento. Avere dei ricordi spiacevoli o faticosi forse può essere un motivo, ma ce ne possono essere anche altri. Una volta compresi (o scelti) i motivi, posso cercare in coscienza di accettarli, e anche di modificarli per quanto è in mio potere e mi sembra giusto.
Accettarli, abituarmici, forse è un primo passo per adattarmi a portare il sentimento di dispiacere senza doverlo etichettare come "il vuoto", dal momento che per quanto negativo, ha comunque la dignità di tutti gli stati reali dell'esperienza umana, ed è un momento del mio vissuto e del mio percorso.
Si può stare male senza dover per questo "impazzire", e forse ragionando su questa base posso acquistare la pazienza per far rallentare i pensieri. non è obbligatorio combattere contro il dispiacere, e piuttosto mi sembra utile impegnarsi per dargli dei significati e inserirlo in un registro dicibile, raccontabile, pensabile, normale.

può aiutarti in questo senso il fatto di collegarti ad un periodo già vissuto 2 anni fa: forse hai elementi, conoscenze, riflessioni che puoi riprendere da dove eri arrivato, per darti un orientamento. ad esempio, 2 anni fa come avevi reagito? provasti qualche terapia? oppure qualche esperienza o qualche relazione significativa ti fece uscire dalla fase critica?
non giudicare te stesso sulla base degli indizi emotivi sgradevoli: se in questo periodo sei triste, è coerente che anche i tuoi sentimenti per gli altri siano un po' spenti o instabili, non è necessario trarne una valutazione colpevolizzante.
se ti senti a disagio e vuoi un aiuto per comprendere e migliorare questa situazione affettiva e questo malessere, hai pensato di rivolgerti a qualcuno? e per quanto riguarda i problemi di sonno, durano da molto tempo? ti creano molte difficoltà? potresti chiedere aiuto al medico.

PS: hai una tarantola? ti stimo ma a me fanno impressione. non la potrei vedere neanche dietro ad un vetro doppio

_________________
it's not that easy being green
avatar
canterel II
Admin

Numero di messaggi : 2458
Data d'iscrizione : 08.01.08

Visualizza il profilo https://www.youtube.com/watch?v=RIOiwg2iHio

Torna in alto Andare in basso

Re: Il vuoto

Messaggio  TarantulaGuy il Ven Dic 15, 2017 1:17 pm

Ciao cantarel II,
Due anni fa ho reagito malissimo a questa cosa mi sono abbattuto chiudendomi in me stesso,mollando la mia ex ragazza per cui non provavo più nulla,ritornando a uscire tutto il giorno e non fare niente se non fumare marijuana comportandomi come quando avevo 17 anni forse anche perché era il periodo in cui mi sentivo felice e spensierato.
Avendo perso tutti i miei amici di infanzia che invece sono rimasti uniti ho fatto amicizia con persone più piccole di me e ripreso i contatti con un altra compagnia di gente che peró non lavora si droga e non fa niente tutto il giorno insomma l'unica cosa che sono stato capace di fare per tutta la vita é il poco di buono, dopo aver passato un anno intero a fare questo stile di vita ho iniziato a sentire il bisogno di stare più in casa con la mia famiglia (brutta situazione anche in casa:mia madre soffre di alcolismo e tradisce mio padre) in tutta auesta confusione mi sono appassionato di animali esotici che erano l'unica cosa che mi faceva stare bene,ho smesso con le canne ho smesso di uscire tutti i giorni e quando grazie ad una conoscenza di mio fratello ho trovato un lavoro mi sentivo bene e felice, al culmine di tutte queste belle notizie 6 mesi fa ho conosciuto la mia attuale ragazza che é molto più grande di me (41 anni) e giuro che ero il ragazzo piu felice sulla faccia della terra per aver trovato una persona con le mie stesse passioni e con cui parlare di animali particolari credendo di aver recuperato del tutto, purtroppo circa 3 mesi fa ecco di nuovo arrivare i brutti pensieri,la fatica nel dormire di notte e la depressione perenne.Sta volta conoscendomi mi sono imdirizzato verso la medicina omeopatica e sto prendendo del nervaxon e della silicea e proprio stasera andró al mio primo incontro con uno psicologo.
Grazie della risposta ma io proprio vedo tutto nero e non riesco a controllarmi più perché il nervoso e la negatività mi attenagliano.
Un saluto.
avatar
TarantulaGuy

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 13.12.17
Età : 25
Località : Modena

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il vuoto

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum