nessuna luce

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

nessuna luce

Messaggio  giappa83 il Lun Nov 13, 2017 12:20 pm

Salve a tutti,
soffro di depressione da molti anni anche se a fasi alterne:in questo ultimo anno però mi ha preso davvero malissimo tanto da pensare che questa volta non ce la farò ad uscirne...sto andando regolarmente dalla psicologa e sto prendendo anche dei medicinali (cosa che prima non avevo mai fatto), ma continuo a stare malissimo: crisi di pianto, apatia, totale assenza di autostima, perdita di peso nonostante mangi regolarmente e come sempre.
Questa volta tutto è scattato dal mio matrimonio, tanto che ho deciso di lasciare mio marito e di chiedere il divorzio...non mi sentivo apprezzata, continuamente criticata, litigavamo spesso e durante le litigate lui mi offendeva e mi dava della pazza da ricovero, della buona a nulla senza di lui, che quella dove abitavamo era solo casa sua come se io fossi un ospite...ogni volta che sentivo queste parole erano come delle coltellate e nonostante gli dicessi che quelle cose mi facevano male ad ogni litigio era sempre la stessa storia. Ho cercato di sopportare, ma alla fine mi sono sentita in frantumi, sentivo nel petto come un buco nero che mi opprimeva oltre al fatto che piangevo tutti i giorni ed iniziavo ad avere pensieri brutti...mi sembrava di impazzire, che la testa mi scoppiasse da mille pensieri, dai sensi di colpa...non ce l'ho fatta più e ho deciso di lasciarlo, sono tornata a vivere dai miei perchè non guadagno abbastanza da potermi mantenere e questa è un'altra cosa che mi butta giù da morire, lavorare ma non riuscire a mantenermi.
MI sento una nullità, una buona a nulla, una persona che si merita tutto il dolere che sto provando...non vedo alcuna luce in fondo al tunnel...non ho alcuna speranza, non riesco a trovare un nuovo obiettivo nella mia vita...continuo a pensare che rimarrò tutta la mia vita da sola e che non riuscirò mai ad avere una mia famiglia...sento che la mia vita è in pezzi...so che sono io a dovermi rimboccare le maniche e reagire perchè nessuno verrà a "salvarmi", ma non ne ho più le forze...mi sono rialzata tante volte, ma questa volta non ce la faccio proprio, non ho più forze e mi sento completamente sola nonostante abbia dei genitori fantastici che mi stanno vicini...vorrei solo rimanere chiusa nella mia camera e rimanere a letto, ma sono costretta ad uscire...ogni giorno mi sveglio e penso " cavolo un'altro giorno".
La psicolaga mi dice di fare vita sociale, di uscire ma io non ne ho proprio voglia...conoscere gente che mi farà sicuramente soffrire in un modo o nell'altro... ed in ogni caso non interesso a nessuno.
Scusate ma leggendo le vostre esperienze ho voluto condividere anche io la mia storia

giappa83

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 13.11.17

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: nessuna luce

Messaggio  merla il Lun Nov 13, 2017 1:02 pm

Ciao giappa83,

non so se la cosa ti può consolare, ma credo che sentirsi nel modo che descrivi, sia molto comune al termine di una relazione affettiva come racconti essere stato il tuo matrimonio.
La critica, la svalutazione, il ricatto e l'offesa sono strategie relazionali basate sulla violenza e a lungo termine, se queste dinamiche si irrigidiscono e si strutturano come prevalenti, è comune che la persona che subisce tutto ciò si senta inadeguata, piena di sensi di colpa, impotente e impaurita.

Tuttavia, anche se adesso non riesci a prendertene il merito, l'aver interrotto una relazione che non funzionava e che non ti faceva bene, è già stato un importante passo verso il benessere. Purtroppo, un contraccolpo analogo a quello che stai vivendo tu adesso è quasi inevitabile, ma passa, lavorandoci su come stai facendo (dalla psicologa, per esempio), anche se richiede una buona dose di pazienza.

Tu non metterti fretta e non sentirti in colpa se non riesci subito a fare tutto quello che vorresti fare (e cerca di non pensare che lo 'dovresti' fare) ma cerca piccole cose che ti facciano star bene o risvegliano il tuo interesse e la tua curiosità; coltiva cose buone per te.
A me, che ho una storia diversa, ma con qualche punto di contatto sul fronte della violenza psicologica, aiuta pensare che molto della paura, dell'ansia e del senso di impotenza è solo l'inevitabile strascico della violenza psicologica subita negli anni, a causa di comportamenti disfunzionali che non mettevo in atto io. Letta così, non sempre e non costantemente con ottimi risultati, però piano piano sto iniziando a vivere certi momenti in un modo non molto diverso da come vivrei i malesseri di stagione: sgradevoli, di cui non sono responsabile, ma che magari possono insegnarmi qualcosa e soprattutto che passano. Questo li rende molto più sopportabili.

buone cose
avatar
merla

Numero di messaggi : 2131
Data d'iscrizione : 09.01.08
Età : 42
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum