Che strana la vita, niente.. Mi faccio schifo.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Che strana la vita, niente.. Mi faccio schifo.

Messaggio  Gix96 il Sab Dic 31, 2016 3:33 pm

Salve a tutti , mi presento mi chiamo Luigi ho 20 nato in Senegal , padre bianco madre nera.
Son disperato o forse no.. boh..
Non capisco più niente , ho dubbi su tutto..
Chi sono? Perché esisto, so l'italiano? vivo o faccio finta? Son normale o drogato? (per un periodo di circa 2-3 anni ho fatto uso di cannabis). So cos'ho vissuto fin'ora oppure no? Ogni tanto ricordo altre volte no.
Voglio bene alle persone oppure le odio, o viceversa?
Ho paura che le persone mi vogliano sabotare.
Ho paura di avere qualche problema di personalità..
La mia vita é un continuo boh , vorrei uscire da questa melma e costruirmi una vita eppure son bloccato da mille dubbi.
Dicono che il peggior nemico dell'apprendimento sia l'autoconvinzione .. niente di più vero.. mi son autoconvinto di certe cose ed ora non so più dove sia la verità ,tutto ha perso il suo senso mi chiedo anche perché viva..Dimentico tutto..
Provò a raccontare la mia storia , magari mi aiuterà a ricordare qualcosina in più..
Ho avuto una vita del cavolo credo , che fra l'altro ricordo male.. Son stato strappato da un posto all'altro , son nato in Senegal a 2 anni per poi essere portato da mia nonna dove ho vissuto 4 anni felici .
Da qui son poi stato strappato fra urla e lacrime insensate che però mentre ero bambino mi hanno distrutto.. Insomma i miei genitori mi hanno portato via da lì , dunque mi son trasferito a banchette una città lì vicina dove a scuola venivo bullizzato (ero il nero) , mentre a casa i miei genitori litigavano spaccando le cose .
I miei genitori decisero poi di trasferirsi in svizzera dove riuscii a farmi una vita decente , amici, passatempi , sport ,ambizione ero sempre il migliore in qualsiasi cosa, aiutavo i miei genitori a far qualsiasi cosa , in qualche modo portavo fortuna grazie a me mio padre trovò lavoro , trovammo una casa ero felice di nuovo ,nonostante i miei genitori continuassero a picchiarsi e fare cose stupide , ogni tanto le prendevo anch'io (ma con criterio, insomma mi servivano mettiamola così me le meritavo).. decisero poi di trasferirsi un'altra volta dalla Svizzera al Senegal non mi sembrava vero , salutare tutti i miei sogni le mie amicizie , i miei hobby , qui la vita fu un'inferno portato sempre di qua e di là subii abusi , fui bullizzato pietre in testa , cacca in testa spogliato di fronte alle persone ero sempre il più piccolo, il deriso , il bianco (sì in Europa sono il nero , in Africa il bianco) ed a scuola prendevo frustate dai professori se dimenticavo di fare i compiti o parlavo.
Passato un anno mio padre mi portò in Italia , dove mi lasciò senza consigli senza nulla.. Rimasi dunque a vivere la mia adolescenza affianco a mia nonna un po' schizzata e stressante , niente sempre peggio iniziai a fumare , bere , studiare poco (la scuola era abbastanza semplice ed ero svogliatissimo ) nessuno mi diede consigli io chiesi nulla mi chiusi nei videogiochi fino ad uscire un po' di senno.. ho messo incinta una ragazza pensando fosse tutto finto (per dare un'idea di quanto persi il senno) , i miei zii mi hanno sfruttato per costruire una casa in cui ora mi son trasferito e che fra l'altro detesto (dunque ora vivo in un paese di 213 abitanti, tutti contadini pieni di cani che spaccano i timpani ) son andato all'universita credendo di potercela fare , ho ovviamente fallito per motivi che ancora ora cerco di capire (a primo impatto direi procrastinazione , ma a sto punto direi qualcosa di più profondo .. boh ). Son rimasto chiuso in casa per mesi, i miei zii mi hanno fatto le paternali io ho preferito il silenzio.. so che se parlassi li farei piangere dato che li detesto , preferivo i miei genitori almeno loro mi davano consigli utili. Ho 20 anni e so che dovrò tirarmi fuori da solo ma son fermo e pieno di rancore mi faccio schifo , in più vivo in un posto che definirei il peggiore in cui abbia mai vissuto che per coincidenza é pure vicino al paese della ragazza che ho messo incinta .. questa ragazza psicopatica mi ha fra l'altro tratto nei peggiore dei modi (io solo e scemo senza coraggio son rimasto con lei nonostante tutto a subire come un cane mentre mi metteva in testa il pallino di metterla incinta, che ora mi prenderei a calci e pugni se potessi avermi davanti a fucilate ).
Odio me odio il mondo. Ho paura di odiare , l'unico pregio che avevo è che mi portavo dietro era quello di avere un cuore enorme. Ed ora ho perso anche quello.
Ho perso la mia personalità i miei ideali tutto e penso pure che la colpa sia degli altri, mi faccio ancora più schifo a sapere di pensare che la colpa sia di qualcun'altro , mi sembra di dare a qualcun'altro il potere di decidere per me vorrei solo che tutto questo cambiasse ma non ho idea di come fare .
Faccio schifo mi lamento pure di far schifo questo mi fa pensare di far ancora più schifo eppure son fermo lo stesso. Boh che m****
Se avete letto il mio poema senza pensare sia completamente pazzo grazie.. a voi voglio bene ..

Gix96

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 31.12.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che strana la vita, niente.. Mi faccio schifo.

Messaggio  Utente non piu iscritto il Mar Gen 03, 2017 11:34 am

Ciao Luigi,
Mi sembri molto sveglio e intelligente cosi a pelle leggendoti mi dai l'idea di essere una mente brillante, è ingiusto che una persona sveglia e con sicuramente buone qualità al di là delle mie buone inpressioni da quello che scrivi non sembri una persona che non ha nulla da dare anzi, quindi mi sembra veramente ingiusto che tu ti trovi in questa situazione. Tutta la tua vita in soli 20 anni è qualcosa di straordinario, di lezioni difficili da imparare e da accettare, uno pensa che la sofferenza non dovrebbe esserci perchè è naturale noi siamo esseri umani noi per natura non siamo portati a creare la sofferenza, eppure succede che alcuni credano il contrario ma ti posso garantire che prima o poi ne pagheranno le conseguenze, io credo che tutta questa sofferenza di cui ti sei dovuto fare carico seppure non faccia bene perche siamo umani ti ha reso sicursmente sotto certi aspetti più profondo della maggior parte delle persone, certo è che a forza di soffrire ti ritrovi in uno stato di confusione, é naturale, troppo dolore ci porta all'apatia e l'insensibilizzazione, dopo un po le nostre emozioni non reagiscono più se sono sovrastimolate in negativo altrimenti ci ucciderebbero, il nostro corpo ci protegge da esse redendoci insrnsibili, ma non sigbifica che non si possa riacquistare questa abilità che momentaneamente per le situazioni difficili è amdata perduta, io credo che tu abbia sicuramente bisogno di un aiuto in questo momento, un aiuto psicologico, da uno psicologo, ma anche da un assistente sociale, non so cosa si possa trovare nel tuo piccolo pase, sicuramente un qualsiasi tipo di aiuto va bene, l'importante è che tu ti sottoponga a controlli e che ti faccia aiutare perche sei una persona che ha molte possibilità hai una mente brillante si percepisce che sei molto intelligente, almeno per quanto mi riguarda mi giocherei la mano sul fuoco che sei una persona davvero sveglia, si sente e si vede anche da come scrivi, sei fortunato e devi salvare questo tesoro che possiedi se ti fai aiutare da qualcuno almeno per risolvere le cose che non puoi fare da solo cioè che richiedono la presenza di un altra persona che ti faccia da specchio nel senso che ti faccia vedere quello che sei, perche ne hai bisogno sei in confusione, e senza riferimenti da solo non puoi ricostruire, non significa che se chiedi aiuto a qualcuno quello che poi costruisci e merito suo anzi quello che fai è merito tuo perche tu hai avuto la forza di farti aiutare e avrai avuto il tuo modo di risolvere le cose insieme a qualcun' altro nel tuo modo che sarà sempre unico e peculiare di te stesso, quindi non devi confondere il fatto di farsi aiutare con qualcosa che è dagli altri che non ti appartiene, sei proprio tu che lo stai facendo, e il merito positivo è solo tuo, ti basti pensare che se qualcun'altro vuole aiutarti ma tu non ci credi non ci saranno mai risultati, viceversa se invece tu ci credi e sei pronto a ricostruire qualcosa allora i risultati ci saranno questo significa che dipende da te non dalla persona che ti aiuta! Quindi se ti fai aiutare e otterrai dei risultati abbi fiducia che sono tutti tuoi Smile chi te lo rinfaccia probabilmente è solo avido di attenzioni, è vero che senza l'aiuto di qualcun'altro non riusciresti magari a ottenere glis tessi risultati, però il fatto di riconoscere di avere bisogno di una mano in piu è sempre un buon risultato è una buona consapevolezza dei tuoi limiti, purtroppo nessuno di noi è superman e prima o poi nella vita ad ogni uomo della terra capiterà di dover ammettere di aver bisogno di una mano in più, ma richiedere un aiuto in più non significa annullare se stessi, significa condividere se stessi per quello che si è, e appoggiarsi all'altro e l'altro avrá piacere di aiutarci per quello che siamo non per annullare quello che siamo. Non so se ti è tanto chiaro il mio ragionamento, perchè riconosco che non mi so esprimere benissimo a volte, però ho provato a darti la mia opinione e darti il mio appoggio, quello di cui ti parlavo prima, l'appoggio che si da a qualcuno per il piacere di lasciarlo camminare con le sue gambe non per poi sopraffarlo Smile
Ti mando un abbraccio!
A presto!

Utente non piu iscritto

Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 07.12.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Grazie Mille

Messaggio  Gix96 Ieri alle 1:24 pm

Rispondo tardi , ma lessi subito il tuo scritto eh Wink , all'epoca se così si può dire ero abbastanza scettico su alcuni punti , (come quello dello psicologo , o sul fatto di essere una mente brillante , mi ritenevo un mulo senza speranze ahahah) ma ora con il passare del tempo e delle esperienze che sto avendo mi rendo sempre più conto di quanto azzeccato utile potesse essere il tuo post , ti ringrazio anche se tardi! Leggo che non sei più iscritto a questo forum , spero che in qualche modo tu possa venir a conoscenza della mia gratitudine nei tuoi confronti.
Ora sto andando addirittura da uno psichiatra , mi è venuta una psicosi abbastanza grave, insomma ce l'avevo già , roba dovuta a tutte le esperienze passate , ma il dottore è fiducioso su un futuro recupero delle mie facoltà mentali , sono arrivato in tempo ribadisco anche grazie ai tuoi consigli, per quanto riguarda la mia famiglia si è in qualche modo se si può dire un pò più sensibilizzata nei miei confronti , vivo meglio ho trovato un lavoro e sto già pensando al futuro ora so come colmare i miei dubbi , mi sento maggiormente autonomo ed in simbiosi con il mio passato , sento che in futuro quando uscirò da questo tarlo più niente potrà fermarmi Smile Ho capito la differenza fra far camminare ed annullare , grazie per avermi fatto camminare.. Se posso un abbraccio!

Gix96

Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 31.12.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che strana la vita, niente.. Mi faccio schifo.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum