Ho un blocco

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ho un blocco

Messaggio  Utente non piu iscritto il Gio Dic 15, 2016 2:01 am

Non riesco a chiamare la psicologa, non capisco perchè io provi tanta vergogna a fare quella prima telefonata, non è mancanza di coraggio è vergogna.
Poi non so quando e dove andare a fare questa telefonata, perche sento il bisogno di essere in solitudine, e non capita quasi mai che io sia completamente in solitudine, e per farlo devo esserlo perche lo trovo difficile e ho bisogno di tutte le mie energie, poi ho un sacco di paure tipo di trovare dalla stessa psicologa persone che conosco, perche ne conosco tante di persone che vivono nella mia città che vanno da psicologhe e addirittura per trovare quella giusta ho dovuto controllare la zona e la via in cui facevano servizio per fare una prima scrematura per evitare che fosse una di quelle psicologhe dei miei conoscenti, mi rendo conto che tutta questa vergogna e tutta questa ricerca difficoltosa è sempre sintomo di qualcosa, non saprei definire perche provo tutta questa vergogna verso una cosa che altre persone che conosco mi hanno detto che fanno, quindi non dovrei aver paura che loro decidano di giudicare una cosa di questo tipo, eppure sento che lo farebbero, sento continuamente il terrore del giudizio degli altri, non mi piace perche quasi sempre giudicano male anche se fai una cosa normale che loro stessi fanno, io non ho tutta questa forza e quindi faccio tutto di nascosto, ma rende tutto estremamente difficile, compreso l'atto in se di fare quella semplice telefonata, sono quasi 2 mesi che vorrei telefonare, sopratutto perche ho dei problemi che mi stanno tormentando proprio in questo periodo, problemi che mi fanno soffrire parecchio. E allora cerco di parlare con le persone senza raccontare in maniera diretta come mi sento perche so che poi arriverebbero i giudizi o rimedi della nonna, e io non ho piu pazienza per sostenere consigli mediocri (per quanto ingeniui) ho bisogno di un aiuto profondo concreto ma sopratutto ho bisogno di potermi fidare e non ci riesco non riesco a fidarmi vorrei tantissimo provare quel stupendo piacere che si prova quando ci si fida di qualcuno, troppe volte ho avuto delusioni e ho davvero paura che la mia fiducia sia morta, vorrei tanto resuscitarla o salvarla, ma non so nemmeno come ravvivarla è praticamente spenta, ma senza fiducia non posso piu fare nulla e ne provare piacere in nulla, alla fine tutto cio che ci da piacere nasce da un emozione piacevole un sentimento piacevole se non hai fiducia non te li concedi perchè hai paura che qualcuno o qualcosa consapevole o inconsapevole sarà pronto a distruggerli, porta paura, sfiducia e a chiusura in se stessi per autocommiserazione,perche quello che ci è stato distrutto ancora una volta sara accaduto proprio perche io non sono in grado di sopportarlo non ho forza e la mia sfiducia è veramente un osso duro, proprio perche non ho fiducia che possa accadere di nuovo di provarla.

Ps : ho gia "provato" a fare "terapia" da una persona laureata in psicologia, la cosa che ha dimenticato di dirmi in due anni di "terapia" è che non aveva alcuna specializzazzione in psicoterapia, ma era solo una persona laureata in psicologia, questa "bugia" non so se sia giusto chiamarla così mi ha fatto rimanere molto male tutt'ora sto male per questa persona perche c'era tanto affetto da parte mia, anche se non l'ho mai ammesso Sad ma penso che lo avesse capito, io ho dato veramente tanto tempo a questa persona per rimediare e lasciargli ammettere che per quanto ci fosse stata un esperienza positiva avrebbe dovuto indirizzarmi da qualcuno con mezzi piu adatti ad aiutarmi, ma questo non è mai capitato, la cosa che mi fa stare male é io ho pagato tanti soldi quanto piu il tempo passava. Un giorno nel travolgermi dalla rabbia ho deciso di mollare tutto senza alcuna spiegazione, perche preferivo ricordare quel periodo e quei momenti come qualcosa di positivo senza uno scontro, pero io porto dentro di me tanta rabbia e rancore nei confronti di questa persona, e olte a questo provo ancora tanto affetto Sad a volte mi verrebbe voglia di tornarci cosi solo per il piacere di riverdere questa persona, ma farei del male solo a me, e poi stare in questa situazione non mi faceva stare bene, nonostante tutte queste cose, io ho non mai mai mai e poi mai provato fiducia nei confroti neanche di questa persona, sono una persona veramente difficile per la fiducia. Sad
Io ad andare da una psicologa adesso mi sento anche come se stessi tradendo la persona che mi aveva seguito fino a 2/3 mesi fa. Nei miei desideri che piu mi proibisco per evitare di farmi del male ci sarebbe proprio quello di rivedere questa persona con cui ho mollato la "terapia"' Sad spesso ci ripenso e fantastico di riverderla.

Utente non piu iscritto

Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 07.12.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ho un blocco

Messaggio  merla il Gio Dic 15, 2016 7:47 pm

Ciao Sigfrido,

io stavo per risponderti subito un po' di getto, poi visto che sono un po' stanca, prima di partire a palla come Giovanna D'Arco ho pensato di informarmi un po'.

Il fatto è che una psicoterapia (che è una cosa diversa da un supporto psicologico o da una consulenza) non può essere tenuta da qualcuno che abbia una specializzazione e tu forse potresti avere addirittura il diritto a essere risarcito o qualcosa del genere.
All'inizio, in teoria, tu avresti dovuto firmare una specie di liberatoria io cui fosse spiegato che cosa lo psicologo poteva (supporto/consulenza) e non poteva fare.
Io non so se hai firmato o no e mi rendo anche conto che può benissimo succedere che una persona si rivolga a uno psicologo senza conoscere questa distinzione, quindi magari, anche in buona fede, si creano dei malintesi.
Tuttavia, moralmente, la responsabilità di farti presente questo aspetto è dello psicologo. È un po' come la differenza che passa tra il medico della mutua e uno specialista: se davanti a un problema un po' complesso, il mio medico della mutua continua a curarmi senza mandarmi da uno specialista e non riesce a curarmi, un minimo di responsabilità ce l'ha.

Magari potresti sentire l'Ordine degli Psicologi, presso la sede più vicina a dove abiti e raccontare la situazione e com'è andata. Può anche essere che tu abbia diritto a un risarcimento dei soldi spesi e/o del danno morale.
E in ogni caso, confrontarti con professionisti del'ordine, e capire tu stesso, se hai diritto a qualcosa, come tutelarti, cosa chiedere e chiarire per evitare un'altra brutta esperienza e a chi rivolgerti in caso di problemi, forse potrebbe anche farti passare un po' delle sensazioni che ti frenano adesso a cercarti uno psicologo.
È normale che tu non riesca a fidarti dopo una brutta esperienza no?
avatar
merla

Numero di messaggi : 2089
Data d'iscrizione : 09.01.08
Età : 41
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ho un blocco

Messaggio  mazzonrocky il Sab Dic 17, 2016 7:48 pm

Caro Sigfrido, riguardo a cercare una nuovo o un nuovo psicanalista vero, e al timore di essere visto da conoscenti, ti dico solo come la vedo io, e come mi sono comportato. Ci sto andando da tre anni, e Lunedi andrò da lei per i saluti, dopo circa tre mesi senza incontri. E' al centro psicosociale, nell'ospedale del mio paese. In sala d'attesa, incontro persone. Con qualcuno ho scambiato (raramente) qualche chiacchiera, nella maggior parte dei casi gli altri pazienti guardano per terra. Le persona che ha la seduta prima di me, quando esce quasi scappa. Forse è solo perchè ha fretta, ma io credo che non voglia essere vista. Non ho mai incontrato conoscenti li, ma li ho incontrati mentre ci andavo. Non lo dico a tutti dove vado, ma se capita, lo dico apertamente. E scopri che molti capiscono, che alcuni lo hanno fatto o lo stanno facendo. In particolare un conoscente/amico, che ha problemi piuttosto grossi, che non mi sarei proprio aspettato. Ci siamo aperti, confidati, ci siamo svelati come persone deboli. La nostra conoscenza amichevole risale alla pratica sportiva, di sport "da duri"...ma nessuno di noi due simula, ci presentiamo come persone deboli, sensibili, ci riconosciamo come tali...
Se devo dire la verità, aver fatto tre anni di psicoterapia mi fa sentire più forte, solo per il fatto di averla fatta, di aver trovato il coraggio, io, senza nessuno che me lo dicesse, di andare, e di dire "io ho bisogno di aiuto, rimugino, ho pensieri di morte, sono aggressivo, sono infelice e mi sento senza speranza". Tu hai fatto due anni con una persona evidentemente non proprio corretta, ma il problema è suo, non tuo. Un pò ti avrà aiutato...hai dimostrato di voler aver cura di te stesso, questo è un motivo di orgoglio. Per decidere di andare ci vuole coraggio, e tu lo hai dimostrato. Io credo, anzi lo so perchè lo vedo, che moltissimissime persone farebbero bene a fare psicoterapia, che fingono di essere forti e credono i problemi siano tutti degli altri, e però li vedi sofferenti, e incapaci di riconoscerlo, e pertanto autocondannati. Il sentimento di affetto nei confronti della psicologa non so se sia utile, magari lo è, ma non credo. Io per la mia non provo niente, mi faccio ascoltare, cerco di capire quello che mi vuole indurre a capire...la vedo solo come una professionista...e poi cerco anche di capire quello che pensa, ma non riesco. Insomma, falla questa telefonata, e fregatene se incontri qualcuno che conosci. Se qualcuno spettegola è un cretino, e lascia che i cretini facciano quello che vogliono, non potremo mai cambiarli, possiamo solo cercare di fare le scelte migliori per noi, non è da pazzi cercare aiuto, è da pazzi non farlo.

mazzonrocky

Numero di messaggi : 132
Data d'iscrizione : 18.09.13

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ho un blocco

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum