Vita onirica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Vita onirica

Messaggio  Owl il Ven Nov 25, 2016 7:51 pm

Il mondo dei sogni notturni è stato esplorato in passato solo in ambiti non scientifici (religiosi, astrologici o comunque esoterici). Freud fu il primo a considerarli un importantissimo strumento psicoanalitico. Oggi le teorie freudiane sono ampiamente superate e il mondo onirico è ancora oggetto di studi ben lontani dall'essere giunti a compimento. Sono tanti gli psicologi che incoraggiano i loro pazienti a parlarne per svolgere un’analisi più approfondita del loro subconscio. Una psicologa fra gli psicoterapeuti che mi hanno seguito m’incoraggiava spesso a parlarne, anche se poi non mi ha mai esposto le sue conclusioni a riguardo. Io stesso, fin da bambino, ho sempre avuto una fascinazione fortissima per il mondo onirico. Oggi questa mia fascinazione si è molto ridimensionata, poiché da piccolo tendevo ad attribuire ai sogni significati criptici e simbolici privi di valenza scientifica, mentre oggi so bene quanto essi siano strettamente legati al vissuto e alla personalità individuale di ciascuno di noi. Tuttavia sento ancora la necessità di avere da un esperto un parere circa la mia vita onirica per capire meglio me stesso. In tanti anni di riflessioni mi sono posto tante domande, alle quali ho dovuto trovare da solo le risposte e posso ora fornire a me stesso e agli altri un quadro più esaustivo e ragionato della mia vita onirica.
In genere le persone parlano poco dei loro sogni e poiché vi riflettono poco tendono ad evidenziare dettagli che a mio parere sono secondari o molto limitati per avere un quadro interpretativo utile agli interessati e agli altri. Le categorie usuali di sogni sono relative alla positività o negatività di ciascun episodio onirico, oppure alla sua eventuale reiterazione o esclusività. Riflettendo affondo sulla mia vita onirica nel suo complesso ho riscontrato delle costanti e delle particolarità che denotano un quadro interpretativo molto più complesso, che certamente riguarda noi tutti, ma che solo pochi di noi si prendono la briga d’indagare. Per quanto riguarda la positività o negatività dei sogni mi sono reso conto fin da piccolo che solo una piccola parte di essi potrebbero essere catalogati come nettamente positivi o negativi, la stragrande maggioranza costituiscono un mix di esperienze e sensazioni molto variabile che m’induce a catalogarli quasi tutti come sogni ambigui: quasi mai belli e raramente incubi espliciti. Forse però ancor più importante è il discorso relativo alla reiterazione, che induce gli altri a parlare di sogni ricorrenti o irripetibili. Mi sono reso conto che l’insieme dei miei episodi onirici, o almeno la quasi totalità, costituisce una trama costante di sogni in varia misura “semi ricorrenti”. Infatti ho notato che certe esperienze oniriche si ripetono spessissimo ma mai in forme identiche, mentre altre restano a tutti gli effetti originali e limitate a un singolo episodio notturno. Tuttavia considero semi ricorrenti anche quei sogni in cui apparentemente avvengono fatti originali, questo per via delle sensazioni che provo e dei luoghi in cui si svolgono. Quello che mi colpisce maggiormente della mia vita onirica sono proprio gli scenari in cui la mia mente ambienta ciascun sogno. Nella maggior parte dei casi si tratta di luoghi che una parte di me m’induce a etichettare come quelli della mia vita reale (la mia casa, la mia città, il territorio circostante) oppure altri luoghi reali in cui non sono mai stato o che conosco meno di quelli quotidiani. La realtà è che ogni volta, al mio risveglio, ripenso al sogno e mi rendo conto che si tratta di luoghi la cui effettiva conformazione e soprattutto atmosfera sono totalmente estranei a quelli reali, benché la mia parte più logica m’inducesse a catalogarli come tali. Non solo si tratta di luoghi solo nominalmente corrispondenti a quelli reali, ma che mantengono costanti diverse loro caratteristiche, benché queste non siano affatto legate al mondo esterno. È come se l’insieme dei miei sogni costituisse una dimensione parallela a quella della vita da sveglio, una dimensione in cui ci sono luoghi che provano a “imitare” talune caratteristiche di quelli a me familiari, o di luoghi che conosco attraverso le descrizioni geografiche, ma che oltre questo sono palesemente alieni nell'atmosfera e nella morfologia (specialmente quando si va nel dettaglio). Sono arrivato al punto di sognare città e ambienti ricorrenti nell'aspetto ma assolutamente immaginari rispetto alla realtà: per esempio mi sono abituato (finché sogno) a credere nell'esistenza di negozi o di altri luoghi pubblici in determinati angoli di città che a loro volta dovrebbero imitare quelle a me familiari (ma di fatto non lo sono) o che non riesco a identificare.
Quello che mi sconvolge maggiormente di questo mondo onirico così complesso e speculare a quello della mia vita reale è la sua diversità tanto profonda quanto familiare: è come se questa dimensione parallela fosse una prova del fatto che io stesso viva in almeno due dimensioni parallele di cui quella onirica non è infondo meno importante e familiare di quella reale. Questo rapporto di estraneità-familiarità strettamente aggrovigliate fa sì che la quasi totalità dei miei sogni non sono quasi mai piacevoli ma nemmeno esplicitamente spaventosi (se non sporadicamente). Quello che però è costante è un velato e stagnante senso di angoscia che mi trasmette l’atmosfera di ogni sogno, per quanto diversi siano i fatti che possono svolgersi in ciascuno. Per fare una metafora è come se ogni mio sogno fosse un film con una sceneggiatura diversa ma generalmente simile alle precedenti, che viene però girato entro un elenco di medesime locations.


Ultima modifica di Owl il Dom Dic 11, 2016 4:33 am, modificato 1 volta
avatar
Owl

Numero di messaggi : 115
Data d'iscrizione : 23.06.16
Età : 34
Località : Rieti

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vita onirica

Messaggio  Utente non piu iscritto il Sab Dic 10, 2016 3:23 am

Bella questa riflessione, trovo molto interessante tutte quante le considerazioni che hai fatto, in effetti il fatto che tu non raggiunga mai estrema felicità o estrema tristezza trasmette molta angoscia, in effetto è tutto ciò che è mediocre in genere che è un pò angosciante, sai che quella cosa rimmarrà sempre in quella via di mezzo, appunto nella mediocrità, forse è cosi perche riflette quello che sei, cioè sei in quell'angoscia di non riuscire a raggiungere mai ne uno stato divincubo ne in uno stato di felicità, ma la possibilità c'e di far pendere l'ago della bilancia più verso una dei due poli, forse è come se fosse congelato, devi scongelare le tue emozioni perche evidentemente le trattieni pure nei sogni! Eheh forse non le condividi abbastanza, dovresti provare magari a piccole dosi, cioè a condividerle a piccole dosi e vedere se parallelamente cambia qualcosa nei tuoi sogni.
Per quanto riguarda gli scenari forse sei una persona abitudinaria? Magari ti piace stare nei posti a cui ti sei affezzionato e in un certo senso questo magari accade anche per i luoghi dei tuoi sogni, forse ti sei affezzionato ai luoghi che hai frequentato in sogno e la tua mente li va a visitare volentieri perche appunto non vuole rischiare di finire in un luogo poco familiare Very Happy
Io ho spinto verso ipotesi un po cosi senz avere troppe certezze, spero non sia stata sgradita la mia risposta.
Saluti! Smile

Utente non piu iscritto

Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 07.12.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vita onirica

Messaggio  Owl il Dom Dic 11, 2016 12:26 am

La tua analisi in parte è corretta, nel senso che il mio forte autocontrollo nella vita reale si trasmette sicuramente anche ai miei sogni, tanto che raramente questi si possono definire propriamente belli o incubi. In realtà però gli ambienti che sogno sono veramente suggestivi e m'inducono a scorgervi un senso di mistero e d'infinito sempre latenti. L'angoscia che provo è dovuta spesso proprio a questo perenne senso di smarrimento, dovuto ad ambienti che spesso la mia parte più razionale tenta d'identificare come quelli a me familiari, ma che di fatto non lo sono per niente. Proprio perché molti dei luoghi che sogno sono falsamente familiari non c'è nulla di banale in tutto ciò, tanto che da tempo il mio mondo onirico mi ha dato lo spunto per scrivere una poesia molto impegnativa per provare a descriverlo, ma che ancora non ho trovato le forze di comporre. Le altre mie poesie non sono mai state altrettanto ambiziose e infatti sono riuscito a scriverle rapidamente, anche se ho sempre dovuto attendere i giusti momenti d'ispirazione per accingermi a scrivle.

PS: ti ringrazio del tuo interessamento ma ti pregherei di curare maggiormente la tua scrittura, nessuno di corre dietro.
avatar
Owl

Numero di messaggi : 115
Data d'iscrizione : 23.06.16
Età : 34
Località : Rieti

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vita onirica

Messaggio  Utente non piu iscritto il Dom Dic 11, 2016 8:19 pm

Ci farò più attenzione, anche se credo che questo sia il mio livello di scrittura in italiano! (A prescindere dalla fretta, che in quel momento non avevo! haha ) Very Happy Non credo di poter fare i miracoli nell'esprimermi. Mi dispiace tanto di non essere all'altezza. Almeno ho avuto la fortuna che tu abbia compreso la mia risposta, forse posso considerarlo già un buon traguardo.
Buona serata! Saluti

Utente non piu iscritto

Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 07.12.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Vita onirica

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum