Scatti d'ira incontrollati

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Scatti d'ira incontrollati

Messaggio  bukoski il Lun Lug 18, 2016 12:58 pm

Se c'è una cosa che odio di me è la predisposizione agli scatti d'ira troppo rapidi. Purtroppo m0incavolo facilmente, perdo le staffe in maniera troppo repentina e fintanto che trovo dall'altra parte persone che sorvolano, la cosa passa senza troppe conseguenze. Il casino è invece quando trovo persone che si arrabbiano a loro volta e spesso purtroppo passo alle vie di fatto quasi subito. E' un atteggiamento che detesto e che mi ha creato grossi problemi in passato, oltre ad avermi creato una nomea non tanto gradevole e fatto un po' di vuoto intorno a me. Non riesco a contare fino a dieci, ma nemmeno fino a tre. E' più forte di me. Sono sempre stato irrascibile ma più passa il tempo e più peggioro. E' una cosa anche anomala perché i miei e tutta la mia generazione sono persone piuttosto pacate e riflessive. Ultimamente come ho già raccontato mi sento meglio, sono di buono umore e perlomeno non ho episodi depressivi. Però mi sento agitato e m'incazzo subito. E' successo anche ieri sera con una persona più giovane di me. Quando mi succede divento pericoloso perché aggressivo e violento, nonostante non sia più giovane. Divento pericoloso perché ho sempre qualche arma con me e se non ne ho posso "armarmi" con qualsiasi cosa mi passi per mano. Molti penseranno che questo messaggio sia un esaltazione della violenza, uno spingere le persone ad esserlo, invece no, per me è una sconfitta, un qualcosa che non sono mai riuscito a tenere sotto controllo, un qualcosa di cui mi vergogno che mi lascia tanto amaro in gola, una profonda delusione. Qualcuno penserà: perché viaggi armato? Beninteso che trattasi di coltelli, ma la risposta è assurda ed incredibile: io vivo nel terrore di essere aggredito! ma fin da bambino. Non sono una vittima di traumi e di aggressioni e neppure di bullismo. Ne ho prese tante da mio nonno da piccolo ma questo non credo sia un fattore determinante. Io non viaggio mai tranquillo. Ho sempre paura di essere aggredito alle spalle. E' assurdo. Durante una discussione mi scatta un meccanismo mentale per cui penso subito che la miglior difesa sia l'attacco. Nemmeno gli psichiatri sono mai riusciti a darmi una spiegazione valida. Il mio psichiatra li definisce episodi schizzofrenici però secondo lui il depakin crono dovrebbe averli messi sotto controllo, cosa che non è avvenuta. C'è qualcuno di voi nella mia stessa situazione?

bukoski

Numero di messaggi : 59
Data d'iscrizione : 04.07.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scatti d'ira incontrollati

Messaggio  Lost_in_a_moment il Mar Lug 19, 2016 5:07 am

Ciao rich!
Sai, credo che essere irascibili ed impulsivi sia piuttosto una questione caratteriale, anch'io spesso sono così, a volte mi devo mordere la lingua per non rispondere in maniera cattiva, a lavoro ci riesco, ma di base anche quando litigo con le persone sono "aggressiva", ma mi sono sempre limitata alle parole a meno che non mi si alzino le mani dalla'altra parte, ma a partequalche rissa da ragazzina, non è più successo, ed io non ho l'istinto alla violenza fisica, magari urlo ma finisce poi lì.
Perciò ti ripeto che essere irascibili di carattere ci sta, ma se tu parli di scatti d'ira che comprendono violenza fisica, penso che dovresti provare a controllare almeno quelli... Con dei coltelli mi sembra eccessivo, non temi che succeda qualcosa? Denunce o casini?
Poi capisco che in giro ci sia brutta da gente da cui doversi difendere, ma a meno che tu non viva nel Bronx, non ti portare appresso degli oggetti contundenti se sei già uno che ha la tendenza ad utilizzarli... Puoi almeno provarci? Magari senza averli le liti si risolvono con delle urla ma con rischi fisici e legali nettamente inferiori.. .No? Smile

Lost_in_a_moment

Numero di messaggi : 221
Data d'iscrizione : 30.03.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scatti d'ira incontrollati

Messaggio  bukoski il Mar Lug 19, 2016 8:27 am

Non ho mai usato il coltello però ho avuto problemi con la giustizia ugualmente per risse e denunce. Ho l'aggravante di aver fatto boxe in età giovanile e l'avevo fatto proprio per vedere se sfogandomi in palestra mi calmavo, ma non è servito. La cosa che mi fa.incavolare è che litigo inizio subito ad offendere. Ne ho parlato diverse volte con gli psichiatri ma sembrano sottovalutare il problema. A volte ho provato a contare anche fino a 30, non a 10 prima di partire. Sono andato anche via, salvo poi ripensarci e vendicarmi dopo. Mi secca parecchio la cosa anche perché faccio un lavoro che mi porta ad avere discussioni con la gente. Perdere le staffe non è mai un pregio. Si perde autorità e fiducia.

bukoski

Numero di messaggi : 59
Data d'iscrizione : 04.07.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scatti d'ira incontrollati

Messaggio  hoenir il Mar Lug 19, 2016 9:53 am

Ciao Richarson, non ho scatti d'ira ma sono abbastanza allenata a vivere con un sottile ribollire di rabbia che si fa strada in superficie ogni volta che devo reggere uno sforzo. Avendo due bambini ho imparato a controllarmi bene ma provo un enorme sofferenza perchè anche se sotto controllo la rabbia non svanisce e mi rimane bloccata lì, rendendomi nervosa. Addirittura a volte togliendomi il sonno per quasi intere nottate. In questi mesi ho avuto il sostegno di uno psicoterapeuta che mi ha insegnato due cose su questa rabbia: prima di tutto che, dato che la rabbia porta all'azione, un ottimo modo per sfogarla era fare attività e così ho cominciato a fare lunghe passeggiate senza meta. Sembra banale ma tornata a casa, mi riscoprivo serena. Seconda cosa, forse più importante, ho capito, almeno parzialmente, l'origine e questo mi aiutato un po' a gestirla. Credo di averlo già scritto rispondendo a un altro utente. La mia rabbia è gemella della forza. Se mi viene richiesto un sovrappiù di energie, io alimento un "forza artificiale" e per farlo inconsciamente mi servo della rabbia. Questo perchè, ne sono abbastanza certa, da piccola non mi è stato mai concesso di essere debole. Se mi facevo male non avevo un papà che mi diceva "piccolina, vieni qua che ti disinfetto chissà quanto male hai" ma un papà che mi diceva "alzati, che non ti sei fatta niente". Sembra una sciocchezza ma non lo è. Ripetuto migliaia di volte in tante azione quotidiane ho assorbito questo schema: non so quindi dire, guardate io queste energie in questo momento non ce le ho, aspettate un attimo ma rispondo automaticamente alimentando la rabbia che mi fa contemporaneamente essere forte.
Ecco, non è la stessa cosa dell'ira, ma quello che spero, raccontandoti di questa esperienza, è di darti lo spunto per capire da dove possa avere origine la tua ira. Tu ne hai parlato con psichiatri, ma forse in questo caso la psichiatria non serve. La psicoterapia a me è servita molto di più. E' lunga e noiosa, lo so, e bisogna instaurare un rapporto di fiducia che è molto faticoso. Bisogna anche smetterla di sentirsi più furbi e "raccontare quello che si vuole" (perchè anch'io sono convinta che uno psicoterapeuta si può fregare abbastanza) però se invece si parte da voler fare qualcosa per se stessi, bisogna cercare di calare la maschera.
Secondo me varrebbe la pena pensarci. Capire l'origine delle nostre emozioni (tutte le emozioni sono incontrollate! è secondo me il primo punto di partenza per chi aspira al cambiamento.
Buona giornata

hoenir

Numero di messaggi : 18
Data d'iscrizione : 05.07.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scatti d'ira incontrollati

Messaggio  bukoski il Mar Lug 19, 2016 10:30 am

Io nella vita normale a differenza di quello che può sembrare dal racconto, sono una persona abbastanza tranquilla. Taciturno, schivo, cerco di evitare discussioni. Il problema è però che mi si chiude subito la vena per poco, come se la mia tolleranza fosse prossima allo zero. Non m'imbarco mai in discussioni da bar sullo sport perché m'incazzo subito. Da giovane fui consigliato a scaricare la mia rabbia con la boxe. Un po' l'ho seguita però mi trovavo male anche in palestra perché appena sentivo male perdevo le staffe anche lì. Da ultimo mi cacciarono fuori.
L'unico conforto e sostegno che ho avuto lo devo stranamente ad una psicologa della Polizia di Stato che mi ha seguito quando ho combinato qualche casino ed ogni tanto mi chiama ancora per avere aggiornamenti sul mio stato. Mi ha fatto scoprire anche un mondo all'interno dell'ambiente che non conoscevo e giudicavo a priori.

bukoski

Numero di messaggi : 59
Data d'iscrizione : 04.07.16

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Scatti d'ira incontrollati

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum