Non so più cosa fare

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Non so più cosa fare

Messaggio  Lyserg il Gio Mar 31, 2016 12:39 pm

Okay, non so se a qualcuno possa fregare qualcosa, ma in ogni caso ho bisogno di sfogarmi un po', quindi perdonatemi per questa presentazione decisamente poco accattivante ed allegra!
Compirò ventidue anni fra qualche mese, studio medicina e non ho particolari problemi che mi spingano a stare male. Non lo dico per vantarmi, ci mancherebbe, ma lo studio mi riusciva abbastanza bene, fin dalle elementari. Avevo costruito una vita, un sogno, un progetto e avrei fatto di tutto per riuscire a portarlo avanti.
Avevo degli amici, una ragazza, una vita soddisfacente, eppure, se devo essere sincero, non ricordo un periodo in cui io sia stato felice. "Migliorerà" mi dicevo "Aspetta di diventare grande, poi andrai a studiare fuori e avrai la vita che hai sempre sognato". E dopo il diploma, sono riuscito a fuggire dal piccolo paese in cui sono nato, per ritrovarmi in un posto molto più grande e molto più caotico.
Ero abituato ad essere il pesce grande cresciuto in un laghetto, per poi ritrovarmi sbalzato all'improvviso nel mare aperto. Quindi cosa mi restava da fare, se non nuotare? E per due anni, è andato tutto bene: ho trovato un nuovo gruppo di amici, mi sono fatto in quattro per riuscire ad essere uno studente di cui i miei genitori potessero andare fiero e ho provato ad essere il ragazzo perfetto che tutti volevano che fossi. È quello che volevo fin da piccolo, dopotutto, no? Una vita che meritasse di essere vissuta, che fornisse un contributo alla scienza così grande da permettermi di salvare tantissime vite. Oltre a questo, adoravo leggere, scrivere, fare fotografie, correre, scoprire cose nuove e visitare cose che non conoscevo: fino ai diciannove anni, sono stato il tipico ragazzo senza un minuto libero da passare davanti alla televisione. Avevo forza ed energia da vendere, sentivo che avrei potuto spaccare il mondo, se solo lo avessi voluto.
Premetto che, quando avevo a nove anni, mia madre si è ammalata di cancro: la cosa si è risolta nel migliore dei modi alla fine, ma credo che sia la prima volta che si sia manifestata una qualche forma di problema.
"Suo figlio è sempre stato timido e silenzioso, ma ora sembra proprio triste. A scuola non mangia mai, non parla più praticamente con nessuno e se ne sta in disparte durante ogni momento di aggregazione".
Sono state queste, pressappoco, le parole della mia maestra a mio padre, durante un colloquio: la cosa è stata considerata un semplice brutto periodo legato ai problemi familiari ma, a posteriori, mi chiedo se fossero solo le prime avvisaglie del problema, perché nonostante tutto poi si sia aggiustato e io sia diventato in grado di rapportarmi agli altri, non riesco a ricordare l'ultima volta che sono stato veramente felice.
Ma non era un problema, in fondo: il "non bene" è molto diverso da "male". Finché le cose si limitavano a essere stazionarie, potevo sempre estraniarmi con la musica alle orecchie, immaginando futuri straordinari, amori infiniti e persone che, un giorno, mi avrebbero fatto sentire parte di qualcosa. Poi tutto si è spezzato a partire da novembre 2014: ho cominciato ad annaspare, sempre di più, sempre di più. Ho gradualmente perso tutto l'interesse che avevo per ciò che mi circondava e, se all'inizio ho cercato di tamponare usando tutte le energie che avevo per mantenere uno studio è una vita sociale adeguati, è da circa un anno che i miei sforzi stanno diventando ogni giorno più inutili. Non riesco più a studiare e, andando in università per le lezioni, consumo tutte le mie forze per cercare di mantenere un'apparenza decente con persone che, ormai, non riesco più a contattare e che ho praticamente allontanato dalla mia vita.
Cerco di sorridere, ma sono cupo, triste e sempre stanco. Dormirei tutto il giorno, se potessi e, nonostante mi imponga di alzarmi tutte le mattine per studiare e andare in università e cercare di essere la persona che ero, passo tutto il giorno ad aspettare che arrivi la sera, per poi passare tutta la sera con i sensi di colpa per aver buttato un'altra giornata.
Tutte le mie relazioni interpersonali (con poche eccezioni) stanno andando a farsi benedire e vorrei tanto poter affibbiare la colpa a qualcuno diverso da me. Ma non posso.
Ero una persona prudente, assennata, precisa, ma due giorni fa ho avuto paura, perché ero in autostrada a centoquaranta chilometri orari e non riuscivo a togliere il piede dall'acceleratore. Volevo più velocità, perché pensavo che la cosa avrebbe potuto farmi stare meglio, eppure devo ammettere a me stesso che non ho aumentato ancora di più la velocità perché non voglio ferire nessuno (né emotivamente né, tantomeno, fisicamente) con i miei problemi.
Penso che sarebbe stato molto meglio non essere mai nato e, ogni notte, spero che qualcosa mi uccida nel sonno, perché il dolore sta diventando ogni giorno più insopportabile e non so cosa fare per calmarlo. Ho paura, voglio solo che finisca. L'unico ancora che mi ha impedito di fare gesti estremi è stata la consapevolezza del fatto che io non voglio morire; semplicemente, non voglio più vivere in questo modo.
Sono stanco di essere solo, stanco di sentirmi inadeguato, stanco di non poter chiedere aiuto (uno psichiatra mi ha diagnosticato, qualche mese fa, la distimia, ma non appena mia madre ne è venuta a conoscenza, ha imposto la fine delle sedute, perché sono solo stupide cavolate di cui mi sono convinto), stanco di sorridere quando vorrei solo dormire.
Voglio solo stare meglio, ritrovare il vecchio me, perché sto sprecando anni preziosi della mia vita senza riuscire ad ottenere niente né, tanto meno, ad essere felice.
Scusate il wall of text, non sono nemmeno riuscito ad esprimermi bene come vorrei ma, se non altro, ora che ho scritto mi sento meglio!

Lyserg

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 31.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non so più cosa fare

Messaggio  Diamante il Gio Mar 31, 2016 1:52 pm

Già, parlare fa sentire proprio meglio..
E' successo qualcosa nel novembre 2014? Il tuo nick ha a che fare con l'acido lisergico?

Diamante

Numero di messaggi : 78
Data d'iscrizione : 30.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non so più cosa fare

Messaggio  Lyserg il Gio Mar 31, 2016 3:34 pm

È aumentato il carico di studio (e con esso ansia e stress), ma suppongo che la causa principale dell'inizio della crisi sia stata una brutta delusione che mi è arrivata dall'ambiente familiare. Non so, è l'unico evento significativo che mi viene in mente!
Per quanto riguarda il nickname, devo ammettere di non aver pensato alle possibili implicazioni! In realtà, è solo il nome di un personaggio di fantasia che mi pare suoni particolarmente bene, non voleva essere un riferimento all'acido lisergico (anche se, insomma, Lysergic Acid, ci può stare come collegamento). Mai fatto uso di droghe e, a meno di futuri, repentini è alquanto improbabili cambiamenti di opinione, non ho neanche intenzione di farlo! Quando esco, diciamo che un paio di bicchieri di vino e un drink sono il massimo che mi concedo (quando non guido, ovvio!)

Lyserg

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 31.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non so più cosa fare

Messaggio  Lyserg il Gio Mar 31, 2016 3:36 pm

[EDIT: mi è partito un accento su una e congiunzione, scusate!]

Lyserg

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 31.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non so più cosa fare

Messaggio  richarson il Gio Mar 31, 2016 8:09 pm

Beh, 22 anni sono pochi e come disse De Gregori, ti volti a cercarli e non li trovi più.
D'istinto, scusami per la brutalità, mi verrebbe voglia di prenderti a schiaffi. Qual è lo stereotipo del ragazzo felice che sogni di essere? quello che magari fa un lavoro precario, mal pagato, e che la sera si disfa a suon di spritz ed in fine settimana fa notte piena? Puoi farlo anche tu, nessuno te lo vieta, ma è divertimento?
A già io sono vecchio, non posso capire, ma alla tua età ho sprecato il mio talento matematico in canne, sbornie, sesso, nottate brave, corse in moto per le strade, e cosa mi è rimasto un mano? un cerino spento!
La tua grossa felicità dovrebbe chiamarsi "studio e conoscenza". Certo è fatica, stress, ma ne vale la pena credimi, non tanto per prospettive lavorative e di carriera, ma quanto per il sapere. Se un giorno salverai una vita umana, avrai fatto una cosa grandiosa, molto di più di cento tuoi coetanei. Certo è fatica, sacrificio, la gioventù viene una volta sola, ma tu hai in mano la possibilità di sapere, di conoscere cose la stragrande maggioranza della gente non immagina neppure. La differenza è tanta. In bocca al lupo.

richarson

Numero di messaggi : 337
Data d'iscrizione : 30.12.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non so più cosa fare

Messaggio  Lyserg il Gio Mar 31, 2016 8:24 pm

Okay, sarò onesto, in un forum sulla depressione una cosa del genere non me la aspettavo. Non è lo studio il problema, studiare mi piaceva, solo che non riesco più a farlo, perché perdo pomeriggi interi in preda all'angoscia!
La depressione è una malattia che mi è stata diagnosticata, non una scelta che ho fatto per essere alternativo! (:

Lyserg

Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 31.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non so più cosa fare

Messaggio  merla il Gio Mar 31, 2016 8:48 pm

Ma non puoi tornare dal medico senza farlo sapere ai tuoi?
avatar
merla

Numero di messaggi : 2137
Data d'iscrizione : 09.01.08
Età : 42
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non so più cosa fare

Messaggio  Diamante il Ven Apr 01, 2016 8:57 am

Vero, potresti andare dallo psicologo senza dirlo ai tuoi.. non faresti niente di male in fondo

Diamante

Numero di messaggi : 78
Data d'iscrizione : 30.03.16

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non so più cosa fare

Messaggio  richarson il Ven Apr 01, 2016 11:19 am

Liserg, lo so e non volevo essere offensivo. Lo so che non hai scelto tu la tua condizione psichica, però ti prego di considerare la tua vita sotto un punto di vista diverso. Studiare è faticoso, stressante, lo so. Si ha la sensazione di buttare via la gioventù sui libri, però io ti auspico davvero che tu riesca a capire l'occasione più unica che rara che hai alla tua età. LO STUDIO! perché si studia a 20 anni, mentre a 50 si fa troppa fatica mentale. Al di là di cosa ti riserverà la vita in futuro, il tuo lavoro, le tue future prospettive economiche, cerca di valutare tutto quello che gira intorno alla possibilità di sapere che hai, come cose accessorie, quasi superflue. Se poi, come ti auguro, un giorno riuscirai ad guarire qualcuno, la tua sarà una vita che avrà avuto un senso davvero.

richarson

Numero di messaggi : 337
Data d'iscrizione : 30.12.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Non so più cosa fare

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum