Inutilità

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Inutilità

Messaggio  newnew il Dom Mag 17, 2015 4:14 am

io non lo capisco come potete usare la parola "inutile" senza definirne un contesto di riferimento, per me "inutile" scritto così non vuol dire assolutamente niente...

newnew

Numero di messaggi : 196
Data d'iscrizione : 04.05.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Forse non dovrei scrivere su questo forum

Messaggio  elisabetta5656 il Dom Mag 17, 2015 11:59 am

Queste scarpe sono inutili.Perchè si sono rotte,mi fanno male al piede,sono diventate brutte e nessuno le vuole.Immagino che il discorso sull'inutilità di queste scarpe ti vada bene newnew perchè esiste un contesto di riferimento.Il discorso,purtroppo,diventa un tantino più complesso se parliamo di uno stato d'animo profondo,incontrollabile dalla volontà e dalla ragione che si "sente" e si "percepisce" nonostante e contro la volontà e la ragione."la vita non ha senso,niente ha senso" "l'inutilità del tutto" sono percezioni profonde e caratteristiche di uno stato depressivo più o meno grave e che nulla hanno a che fare con il tuo "contesto di riferimento"....ma forse ho sbagliato anch'io forum.Avevo avuto l'impressione che qui si parlasse di depressione e non di filosofia spicciola.....o di autopsicoterapia....Vedi newnew è proprio questa incapacità di darsi e perseguire degli obiettivi per raggiungere un dato scopo che si suppone sarà gratificante, la caratteristica del sentire depressivo. Perchè si sente che" tutto è inutile".Ma forse tu non hai questa percezione e meglio così
avatar
elisabetta5656

Numero di messaggi : 295
Data d'iscrizione : 09.05.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inutilità

Messaggio  Infinite Jest il Dom Mag 17, 2015 1:47 pm

elisabetta5656 ha scritto:Queste scarpe sono inutili.Perchè si sono rotte,mi fanno male al piede,sono diventate brutte e nessuno le vuole.Immagino che il discorso sull'inutilità di queste scarpe ti vada bene newnew perchè esiste un contesto di riferimento.Il discorso,purtroppo,diventa un tantino più complesso se parliamo di uno stato d'animo profondo,incontrollabile dalla volontà e dalla ragione che si "sente" e si "percepisce" nonostante e contro la volontà e la ragione."la vita non ha senso,niente ha senso" "l'inutilità del tutto" sono percezioni profonde e caratteristiche di uno stato depressivo più o meno grave e che nulla hanno a che fare con il tuo "contesto di riferimento"....ma forse ho sbagliato anch'io forum.Avevo avuto l'impressione che qui si parlasse di depressione e non di filosofia spicciola.....o di autopsicoterapia....Vedi newnew è proprio questa incapacità di darsi e perseguire degli obiettivi per raggiungere un dato scopo che si suppone sarà gratificante, la caratteristica del sentire depressivo. Perchè si sente che" tutto è inutile".Ma forse tu non hai questa percezione e meglio così

Esatto.
Se ci sono problemi con il termine in italiano: http://www.treccani.it/vocabolario/inutile/
Quoto, lasciamo stare la filosofia spicciola.
avatar
Infinite Jest

Numero di messaggi : 11
Data d'iscrizione : 25.05.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

OT

Messaggio  merla il Dom Mag 17, 2015 3:49 pm

Posso difendere una causa apparentemente persa? Odiatemi pure.. Very Happy

Al di là della filosofia spicciola o dell'autopsicoterapia, c'è cmq del vero e del buono anche per un depresso nel prendere atto che l'espressione "inutile" in assenza di un contesto di riferimento non ha alcun senso.
È un dato di fatto che può essere stimolante per cambiare prospettiva e per renderci conto che il senso di inutilità (come anche il senso di utilità, giusto per non abbandonare il campo) è sostanzialmente una percezione veicolate dal nostro stato umorale che poi, in quanto purtroppo o per fortuna dotati di corteccia cerebrale, tentiamo di inscatolare in una qualche razionalizzazione la quale poi però se il nostro stato umorale è fisso e magari sganciato dal situazione reale e momentanea in cui ci troviamo ci prende la mano.
In altri termini, se ho fame, farmi un piatto di pasta è utile o no? Se il mio stato umorale è totalmente pervaso dal senso di inutilità, e se aggiungo una certa dose di razionalismo che mi porta a dire che la vita non ha un senso, allora il piatto di pasta è totalmente inutile.
Tuttavia cogliere questo meccanismo (e leggere una risposta forse irritante e fuori contesto può anche essere un modo per sbatterci contro) può anche aiutare a smontare un attimo certe percezioni e soprattutto a sfruttare proprio la razionalità per dar loro una dimensione più reale, in cui potersi, almeno ogni tanto, concedere il lusso di strafottersene dell'utilità o meno di mangiare e concedersi di mettere su l'acqua per il semplice motivo che si ha fame.
A me questo esercizietto di sgancio dalla mia mente, ha aiutato molto, prima in frangenti di grossa difficoltà e di bisogni "pratici" e poi perché ho imparato ad applicarlo in contesti molto più lievi.

Ciao. Se poi parte il delirio e andiamo troppo OT, apriamo un altro thread.
merla
avatar
merla

Numero di messaggi : 2115
Data d'iscrizione : 09.01.08
Età : 42
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inutilità

Messaggio  piquemal il Dom Mag 17, 2015 5:49 pm

Filosofia spicciola qui:

"La vita è inutile"

si può leggere come sfogo, come chiacchiera. Allora mi pare concesso attribuire ad un astratto x qualsiasi giudizio di valore. "Il mondo fa schifo", "L'esistenza è uno spreco", "Gli unicorni puzzano".
In fondo è distensivo da dire. La vita è un insieme complesso e me ne libero in fretta screditandola. Distensivo come può esserlo proferire una bestemmia.

"La vita è inutile"

è una possibile risposta filosofica (spicciola o meno che sia), che richiede un'argomentazione. Posta come assunto categorico pare che ci si debba per forza adeguare. Nel mio metro può essere più o meno utile, secondo i miei criteri soggettivi e i miei scopi, manca appunto il contesto.

"la vita è inutile"

sotto uno sguardo psicanalitico apre un mondo al soggetto che la usa. Mi chiedo, se inutile, che senso abbia parlarne, ovvero perché distribuire il senso della sua inutilità. Quale piacere possa derivare eventualmente dal concordare che la vita è inutile. E quindi?

"la vita è inutile"

da un punto di vista logico (come se capissi qualcosa di logica), se la vita è inutile, ogni sua espressione è inutile, anche quella di definire la vita inutile.


Se mi è concesso, non trovo strano che si usi questa espressione, ma ritengo che vada come minimo motivata. Non trovo strano che si arrivi a pensarla ma mi pare deleterio, in uno stato depressivo, metterci le tende.

piquemal

Numero di messaggi : 377
Data d'iscrizione : 17.02.11
Età : 36

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inutilità

Messaggio  canterel II il Dom Mag 17, 2015 9:06 pm

anche io volevo dire la mia sulla questione oggi pomeriggio, ma disgraziatamente avevo mangiato pesante e non riuscivo a ragionare bene.

se non ricordo male volevo dire che problematizzare un po' la sentenza circa l'inutilità della vita postulata in questo thread non mi pare cosa peregrina (e, se newnew non se ne duole, volevo osservare che mi è già capitato di trovare nei suoi interventi degli spunti che si possono valorizzare tanto meglio se si trascura di considerare il modo spiccio di presentarli, che a volte rischia di apparire sintomatico di un atteggiamento un po' altero e magistrale).

l'esempio delle scarpe portato da elisabetta5656 è autoevidente ma vorrei segnalare che le scarpe nascono come oggetto d'uso scarsamente versatile: l'inutilità di un paio di scarpe rende implicito il riferimento al contesto in quanto significa immediatamente che le scarpe sono rotte, ma non è meno vero che in sé il concetto di utilità abbisogna di un contesto e che è insomma una categoria di relazione tra cose e persone, e richiama un riferimento necessario ai beneficiari di ciò che si definisce come utile e alla natura del beneficio o dell'efficacia.

se il concetto di utilità nasce per designare un certo tipo di relazione tra persone e/o cose in vista di un fine, allora io vedo due modi in cui il riferimento a tale categoria diventa problematico, ossia due modi di "non essere utile":
1) nel discorso si nega l'efficacia della relazione in vista del fine. le scarpe rotte sono inutili per camminare.
2) nel discorso non si presenta la relazione e l'oggetto, presentato in termini assoluti, senza contesto, non appare seconrdo la categoria dell'utilità. come l'incontro fortuito di una macchina da cucire e di un ombrello sopra un tavolo di dissezione.

come deduco dalla mancanza di un sentimento universale o di accordi interconfessionali riguardo alle relazioni privilegiate della vita umana e ai suoi scopi, direi che essa ricade più nella seconda che nella prima categoria.

ora, secondo me è un bel dilemma stabilire se sia più deprimente il considerare l'essere umano nella sua inutilità ontologica o piuttosto, al contrario, trovare motivi per suscitare il pessimo umore proprio nel fatto di concepire l'essere umano come utile a qualcosa, con quanto di svilente tale prospettiva porta con sé, facendo dell'esistenza un triste calzaturificio.

con l'arrivo della primavera mi sono proposto di esplorare un po' la letteratura pastorale, e per cominciare mi sono procurato la versione di annibal caro delle avventure di dafni e cloe. ecco, se immagino gli amori tra il capraio dafni e la pecoraia cloe, ho l'impressione che mi si dischiuda tutto un universo che imploderebbe immediatamente non appena longo sofista provasse ad introdurvi una categoria come quella dell'utile, e specialmente l'utilità della vita.

leggerò e vi farò sapere se nel bel mezzo di una fellatio dafni salta su e prende atto dell'inutilità della lana caprina.



_________________
it's not that easy being green
avatar
canterel II
Admin

Numero di messaggi : 2396
Data d'iscrizione : 08.01.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.youtube.com/watch?v=RIOiwg2iHio

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inutilità

Messaggio  newnew il Dom Mag 17, 2015 9:30 pm

elisabetta5656 ha scritto:Queste scarpe sono inutili.Perchè si sono rotte,mi fanno male al piede,sono diventate brutte e nessuno le vuole.Immagino che il discorso sull'inutilità di queste scarpe ti vada bene newnew perchè esiste un contesto di riferimento.

Le scarpe hanno queste proprietà:

* sono un oggetto
* sono uno strumento, con lo scopo principale di riparare i piedi.

Quindi delle scarpe rotte, che fanno male ai piedi, sono inutili in quanto non soddisfano lo scopo che noi decidiamo possa giustificare la loro esistenza (in questo caso il riparare i piedi), esistenza che ha necessità di essere giustificata in quanto noi abbiamo deciso che esse siano meri strumenti.

elisabetta5656 ha scritto:Il discorso,purtroppo,diventa un tantino più complesso se parliamo di uno stato d'animo profondo,incontrollabile dalla volontà e dalla ragione che si "sente" e si "percepisce" nonostante e contro la volontà e la ragione."la vita non ha senso,niente ha senso" "l'inutilità del tutto" sono percezioni profonde e caratteristiche di uno stato depressivo più o meno grave e che nulla hanno a che fare con il tuo "contesto di riferimento"....ma forse ho sbagliato anch'io forum.Avevo avuto l'impressione che qui si parlasse di depressione e non di filosofia spicciola.....o di autopsicoterapia....Vedi newnew è proprio questa incapacità di darsi e perseguire degli obiettivi per raggiungere un dato scopo che si suppone sarà gratificante, la caratteristica del sentire depressivo. Perchè si sente che" tutto è inutile".Ma forse tu non hai questa percezione e meglio così

Io sono dell'opinione che per dichiarare l'inutilità di un oggetto è necessario prima 1) decidere che esso è un mero strumento e 2) deciderne lo scopo.

Per me la soluzione della depressione è nella filosofia, ovvero credo che la sua causa sia in una filosofia errata, ammetto di poter sbagliare, ma io non mi lamento quando altri forumisti parlano di chimica.

Senza rancore... Wink

newnew

Numero di messaggi : 196
Data d'iscrizione : 04.05.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inutilità

Messaggio  tic tac il Dom Mag 17, 2015 9:44 pm

.


Ultima modifica di tic tac il Mar Mag 19, 2015 10:38 pm, modificato 1 volta

tic tac

Numero di messaggi : 175
Data d'iscrizione : 15.08.10
Località : Milano

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inutilità

Messaggio  canterel II il Dom Mag 17, 2015 10:43 pm

tic tac ha scritto:
Di solito di quel che scrive canterel ne comprendo un terzo (se va bene), forse perché non ho voglia né tempo di impegnarmi abbastanza. O forse perché sono troppo limitata. Comunque di quel che capisco ne è piacevole la lettura 😊.

tic tac, è probabile che i due terzi incomprensibili del testo dei miei interventi corrispondano all'entità del pegno che pago all'inutilità della condizione umana nel mio sforzo per addomesticarla. mi compiaccio che il resto ti sia piacevole.

_________________
it's not that easy being green
avatar
canterel II
Admin

Numero di messaggi : 2396
Data d'iscrizione : 08.01.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.youtube.com/watch?v=RIOiwg2iHio

Tornare in alto Andare in basso

Re: Inutilità

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum